Domenica, 19 Settembre 2021
Partner

Dopo il diploma, università o corso professionalizzante?

Molti ragazzi, dopo il diploma di scuola superiore, vorrebbero ricevere una formazione pratica che li aiuti ad entrare nel mondo del lavoro. Proprio a questo scopo esistono gli ITS; ottima la proposta offerta a Bari e Molfetta

Orientarsi nella scelta del percorso di studio da seguire, dopo il diploma di scuola media superiore, non è semplice.
Si tratta di un passo importante per porre le basi della propria carriera futura e selezionare quella sbagliata può causare spiacevoli ripercussioni.
Per cercare di scegliere un’opzione veramente in linea con le personali inclinazioni, è necessario essere del tutto onesti con sé stessi.
In primis, è bene analizzare la propria personalità.
Comprendere se si è riservati o estroversi, che tolleranza si ha dello stress, se si è persone pragmatiche o meno, può già determinare una discriminante.
Inoltre, vale la pena di riflettere riguardo le cose che si amano fare: domandarsi verso che cosa ci si sente più portati, o più attirati, soppesando i propri sogni e desideri, può essere di aiuto.
Valutare i propri interessi, le personali attitudini, da che genere di personalità si è caratterizzati, fare un’analisi dei propri punti di forza e punti deboli sono tutte considerazioni utili a orientarsi, verso una scelta consapevole.
Anche avere ben chiare le proprie aspirazioni, serve a comprendere quale percorso si adatti meglio a sé; ci sono, per esempio, studenti che desiderano affrontare un corso di laurea, mentre altri preferirebbero acquisire competenze più pratiche, spendibili immediatamente nel mondo del lavoro.
In questo caso, esistono gli ITS dove vengono tenuti corsi, che solitamente non superano i due anni di durata. L’approccio formativo è volto all’apprendimento e rafforzamento di abilità tarate sul mercato lavorativo.
L’acronimo ITS indica gli Istituti Tecnici Superiori che si dedicano alla formazione terziaria professionalizzante, non universitaria, volta a formare gli studenti affinché possano essere inseriti, con successo, nel settore di competenza.
Il modello su cui si basano è estremamente flessibile, sia a livello organizzativo che didattico, per esser, il più possibile, performante.

Un balzo nel mercato del lavoro

Uno degli Istituti più rinomati ad occuparsi di questo è la Fondazione ITS Apulia Digital Maker, che propone corsi di alta specializzazione post diploma nell’Area ICT (Information and Communications Technology) in Puglia, in grado di offrire alta formazione per i nuovi professionisti dell’impresa tecnologica e digitale.
Nata nel 2015, la Fondazione risponde alla specifica necessità di dare il via a  processi di trasferimento tecnologico.
Ciò fa seguito all’azione avviata da alcune imprese del territorio, unitamente a università, centri di ricerca ed enti locali.
L’elevato livello formativo serve per preparare gli studenti in mansioni specifiche, affinché siano immediatamente pronti ad affrontare il mondo del lavoro.

Apulia Digital Maker è, inoltre, Centro di Trasferimento Tecnologico in ambito Industria 4.0, riconosciuto dal Ministero dello Sviluppo Economico.
La Fondazione ITS Apulia Digital Maker dispone di diverse sedi, in Puglia, presso le quali organizza percorsi formativi professionalizzanti, biennali e gratuiti, grazie ai finanziamenti provenienti dalla Regione Puglia e dal MIUR.
I corsi sono strutturati per assicurare l'acquisizione di quelle alte competenze tecnologiche e digitali necessarie a rispondere alla crescente richiesta di nuove figure professionali, con skills nel settore dell’innovazione tecnologica e digitale: sviluppo software, realtà aumentata e virtuale, Internet of things, machine learning, grafica e animazione 3D, digital video design, marketing e comunicazione digitale.
Bari-lezione-comuter
Il diploma che rilascia la Fondazione rientra, a livello europeo, nella classificazione di Diploma Superiore di Quinto Livello EQF e consente l’accesso ai concorsi pubblici.

Per poter rendere le competenze trasmesse veramente efficaci e spendibili, oltre il 70% del corpo docente proviene direttamente dal mondo del lavoro.
Inoltre, sono previsti stage in azienda, che offrono l’opportunità, ai corsisti, di sperimentare direttamente sul campo le competenze acquisite, di contribuire allo sviluppo dei processi di digitalizzazione aziendali e di farsi conoscere nei contesti professionali.
Le lezioni, quindi, si tengono in presenza (in aule e laboratori) per il 60% delle ore, mentre il restante 40% delle ore si svolge in stage e tirocini formativi.
Questo tipo di approccio è estremamente efficace per consentire il reclutamento immediato, degli studenti, nel mondo del lavoro. I dati del monitoraggio Indire lo confermano: i diplomati ITS, ad un anno dal titolo, hanno un tasso di occupazione medio superiore all’80%, con punte anche di 90 e 100%.
Nel 92% dei casi, l’impiego ottenuto è coerente con il percorso formativo.

Una scelta per il proprio futuro

La Fondazione ITS Apulia Digital Maker organizza vari tipi di corsi, distribuiti nelle diverse sedi di cui dispone.
Presso la sede di Bari, per il biennio 2021/2023 ne sono in programma quattro: tre relativi alla mansione di developer 4.0 e uno per formarsi come 3D artist.

Developer 4.0. I corsi in Developer 4.0, progettati in collaborazione con le aziende del  Distretto Produttivo dell’Informatica pugliese e InnovaPuglia SpA, sono stati organizzati per rispondere alla crescente richiesta di professionisti dello sviluppo software, con competenze integrate, per operare negli ambiti in massima espansione dell’universo ICT: Cybersecurity, E-Health e Fintech.
Tra i profili professionali maggiormente richiesti nell’attuale mercato del lavoro, il Developer ibrida le conoscenze dello sviluppo software JAVA e dei Database di tipo tradizionale, con i recenti sviluppi nati in seno ad Industria 4.0, nell’ambito dei Big Data e delle tecnologie Cloud.

3D artist. Il corso di alta specializzazione tecnica in 3D Artist permette di acquisire competenze professionali integrate nella creazione e sviluppo di progetti di grafica 3D per Realtà Aumentata, Virtual Reality, Videogame, Animazione e Cinema.
Tra le professioni più richieste nel settore dell’industria dell’entertainment, il 3D Artist dispone di tutte le competenze tecniche necessarie per lavorare nel settore CGI, occupandosi di progetti di grafica tridimensionale reinterpretata in chiave artistica.
Il corso, di 2.000 ore, è progettato in collaborazione con la Fondazione Apulia Film Commission.
La figura del 3D Artist si innesta nell’ambito dell’industria creativa e culturale: dal settore audiovisivo più classico (film, video, tv), passando per i videogames, fino al contributo nelle performing arts visive, al design e alla valorizzazione digitale del patrimonio storico-artistico

La sede di Molfetta, invece, sempre per il biennio 2021/2023, offre un unico corso in developer 4.0.

Developer 4.0. Come per la sede di Bari, anche questo corso si dedica alla formazione di una figura professionale molto richiesta nel mercato del lavoro che, tra le altre competenze, è in grado di unire le conoscenze dello sviluppo software JAVA e dei Database di tipo tradizionale, con i recenti sviluppi nati in seno ad Industria 4.0, nell’ambito dei Big Data e delle tecnologie Cloud.
Il percorso formativo è stato realizzato, in questa occasione, insieme ad Exprivia s.p.a, società che si occupa di progettazione e sviluppo di tecnologie software innovative e di prestazione di servizi IT per il mercato bancario, medicale, industriale, telecomunicazioni e Pubblica Amministrazione.

I corsi avranno inizio entro il 30 Ottobre 2021, previo superamento del test di ingresso. Accedere ai corsi è semplice: basta iscriversi online sul sito di ITS Apulia Digital Maker.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo il diploma, università o corso professionalizzante?

BariToday è in caricamento