Giovedì, 29 Luglio 2021
Politica

Mep e Realtà Pugliese insieme: "Per Bari e Regione vogliamo le primarie"

Ci si prepara in vista delle prossime elezioni. I due partiti si accordano per costruire una comune piattaforma programmatica

Nicola Canonico, segretario regionale di Moderati e Popolari

Accordo firmato. Moderati e Popolari (Mep) e Realtà pugliese hanno stretto un patto in vista delle prossime elezioni politiche. Un mese fa, Giacomo Olivieri (nelle scorse regionali candidato nell’Idv e poi traghettato nel Mep insieme a Nicola Canonico)  aveva deciso di abbandonare la truppa per accasarsi nella lista civica espressione (tra le altre cose) di una parte della famiglia Degennaro. La volontà di Nicola Canonico di dichiarare la sua candidatura al Comune di Bari non fu accettata ben volentieri da Olivieri, il quale decise di abbandonare il partito. Frizioni che sono confluite con l’innesto dell’attuale presidente della Multiservizi nella lista capitanata da Tobia Binetti, di recente nominato da Emiliano a capo dell’Amtab.

Ma dopo giorni di consultazioni, i due partiti hanno deciso di stringere un accordo. Ciò al fine di elaborare "una comune piattaforma programmatica per le prossime consultazioni elettorali". L’accordo ha tutto il sapore di voler aumentare il peso contrattuale delle due forze "moderate" davanti a Pd e PdL.  "Pregiudiziale per il confronto con le altre forze politiche sarà l'accettazione del metodo delle primarie quale sistema per l'individuazione delle future guide di Bari e della Regione Puglia", fanno sapere in una nota congiunta i due partiti.


Per il momento siamo alla pura strategia pre-elettoralistica. Il mercato dei pesi inizia a farsi sentire in vista delle primarie cittadine e regionali. Canonico non ha alcuna intenzione di fermarsi nella corsa a candidato sindaco. Ora potrà contare anche sulla sponda della lista civica che un tempo incoronò Annabella Degennaro ad assessore comunale al Decentramento. Il messaggio dell’accordo è soprattutto rivolto al sindaco Emiliano, le cui ambizioni per il gradino più alto di via Capruzzi non sono mai state smentite. Si tratta di fare delle scelte. I due partiti si sono accordati e di certo il loro “pacchetto di voti” non è tale da essere sottovalutato.  Riusciranno le due maggiori forze politiche a farne a meno?

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mep e Realtà Pugliese insieme: "Per Bari e Regione vogliamo le primarie"

BariToday è in caricamento