Mercoledì, 20 Ottobre 2021
Politica

Aeroporti di Puglia, interrogazione del M5S: "Mancanza di trasparenza e compensi faraonici. Azzerare subito i vertici della partecipata"

In un comunicato i consiglieri regionali del M5s chiedono chiarezza sulla gestione di Adp

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

"Sono gravi e numerose le accuse mosse da associazioni del settore aeroportuale sulla gestione della società “Aeroporti di Puglia”, partecipata al 99,41% dalla Regione, e si concentrano in particolare sulla mancata trasparenza della Società e sui compensi faraonici erogati ai dirigenti.
Per questa ragione i consiglieri regionali del Movimento 5 Stelle Marco Galante, Mario Conca,  Rosa Barone e Gianluca Bozzetti  hanno formulata un’interrogazione indirizzata al presidente del Consiglio Loizzo, al presidente della Regione Emiliano, e all’assessore ai Trasporti Giannini, per sollecitare l’azzeramento dei vertici.
Nel dettaglio delle contestazioni, tra i top manager più pagati della Regione c’è il dott. Marco Franchini, direttore generale, con una retribuzione annuale lorda di 326.800 euro. Tra le altre incongruenze, denunciate dalle associazioni agli organi di stampa, vi è l’eccessiva durata degli incarichi, in taluni casi ultradecennali: si citano per esempio, tra gli alyri, gli incarichi affidati al dott. Patrizio Summa, direttore amministrativo da 15 anni (219.100 euro all'anno), al dott. Marco Catamerò, dirigente responsabile di esercizio dello scalo di Brindisi e Grottaglie dal 2007 (194.100 euro), al dott. Maurizio Cipriani, dirigente operativo di scalo dal 2004 (115mila euro).

In merito alla mancata trasparenza, risulta quanto mai poco credibile la presenza, nella sezione “collaboratori e consulenti”, dell’incarico e compenso di un solo professionista.
Numerose poi, sono le lamentele dei viaggiatori relativamente alla situazione dei parcheggi all’interno dell’aeroporto. Quelli Low Cost (5 euro al giorno) quasi sempre pieni e distanti 1 km, con evidente penalizzazione per tutti gli utenti che hanno difficoltà motorie.

Senza dimenticare – sottolineano gli esponenti pentastellati - che la Procura della Repubblica di Bari ha aperto un fascicolo per il reato di truffa e abuso di ufficio in merito ad un finanziamento da trenta milioni di euro concesso senza alcuna gara alla compagnia Ryanair, per finanziarla con fondi destinati al turismo. Secondo la Guardia di Finanza, i trenta milioni (che diventano quasi cinquanta se si tiene conto della data di scadenza del primo contratto) non sono di Aeroporti di Puglia ma arrivano dalla Regione, attraverso i FESR che sulla carta dovrebbero servire per la promozione turistica.  Per la definizione del contratto, Aeroporti non ha proceduto ad alcuna gara d'appalto ma al contrario ha bandito una "semplice procedura negoziata senza previa indizione di gara". Ryanair è stata scelta soltanto grazie a quella che secondo gli investigatori è stata una "incompleta e inefficace" indagine di mercato. Aeroporti di Puglia, nonostante la chiusura delle indagini, ha rinnovato il contratto nei mesi scorsi a Ryanair, 85 milioni per i prossimi cinque anni, senza gara d'appalto, prorogando il vecchio contratto finito sotto inchiesta.
Sono contestazioni di tale gravità  che – concludono i consiglieri regionali del M5S – non possono che portare all’azzeramento dei vertici della partecipata. Senza perdere un minuto di più".
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aeroporti di Puglia, interrogazione del M5S: "Mancanza di trasparenza e compensi faraonici. Azzerare subito i vertici della partecipata"

BariToday è in caricamento