"Sprechi e costi elevati" per le partecipate del Comune. Le opposizioni: "Amtab e Amiu, servizi scadenti"

La minoranza critica la gestione delle municipalizzate: "Settantuno milioni per l'azienda dei rifiuti? - afferma Di Paola (Impegno Civile). Cifra stratosferica". Melini: "Rischio aumento Tari per il porta a porta"

"Ottimismo di facciata dell'amministrazione" sulla gestione dell'Amtab e un "contratto di servizio stratosferico per l'Amiu" con i costi del porta a porta che "ricadranno ancora una volta sui baresi": opposizioni all'attacco del Comune sulle aziende partecipate, in particolare su trasporti e nettezza urbana, analizzate a margine della conferenza stampa di questa mattina a Palazzo di Città, dove si è affrontato anche il nodo bando  relativo alla gestione dello stadio San Nicola. Per Mimmo Di Paola (Impegno Civile), su Amtab "sono stati già praticamente buttati 9 milioni di euro di risorse del piano di bilancio da 10 milioni, poiché l'azienda ha prodotto 2.4 milioni di perdite in questi anni. Si sarebbe dovuto produrre valore per tutelare il capitale sociale e il rientro. E' un disastro, considerando anche il livello di soddisfazione degli utenti, precipitato nel corso degli ultimi tempi".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Di Paola: "Contratto 'stratosferico' per l'Amiu"

Per quanto riguarda l'Amiu, invece, Di Paola critica il contratto di servizio in vigore con il Comune: "Settantuno milioni sono una cifra stratosferica per Bari. Le critiche degli amministratori cittadini ai baresi 'sporcaccioni' spostano le loro responsabilità rispetto all'efficienza del servizio. Paghiamo le tasse in modo da coprire i costi di questa società. Mi chiedo come mai l'utile non venga utilizzato per spazzare meglio le strade e fornire un servizio migliore". Sullo stesso tema interviene anche Irma Melini (Scelgo Bari/ Gruppo Misto): "Il rischio è l'aumento della Tari per il prossimo anno, poiché si sta finanziando il porta a porta anche con soldi ottenuti con la conclusione bonaria dei contenziosi. Estendere il servizio porterà a un ulteriore aumento. Città come Taranto stanno finanziando il nuovo sistema anche con finanziamenti comunitari. Non vedo perché Bari non debba farlo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, in Puglia undici nuovi casi: cinque contagi registrati nel Barese, i pazienti positivi salgono a 170

  • Coronavirus, la Puglia registra 23 nuovi casi. Tre positivi nel Barese: "Due già in isolamento, un altro paziente arrivato da fuori regione"

  • "Il Covid colpisce anche d'estate. Sbagliato salutare con baci e abbracci": l'infettivologa invita a non abbassare la guardia

  • Come eliminare il grasso in eccesso? Gli specialisti di Bari usano... il freddo!

  • Sette nuovi casi di Coronavirus in Puglia (su oltre 2200 test): tre sono in provincia di Bari

  • Temporali in arrivo nel Barese: la Protezione civile lancia l'allerta meteo gialla

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento