Giovedì, 5 Agosto 2021
Politica

#andiamoavincere

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Ok, manca poco e questa campagna elettorale, lunga ed intensa, volge a conclusione.

State tirando un sospiro di sollievo… eh?!?

O attendente il 26?

Tanto, a sentir la tivi, tutti hanno vinto, con percentuali che oscillano tra il 70÷80% (per partito).

Ecco… di tutti questi numeri, ma anche di accuse, volgarismi, e menate varie (tipiche di chi la politica la vede come valvola si sfogo personale e non come dovrebbe essere, un impegno verso la società) io non ne sono stata partecipe. E, scusate, ne vado fiera.

Perché ho imparato che si lavora meglio, e bene, se si è concentrati sul proprio obiettivo.

Che l'erba del vicino se è più verde non deve essere un problema, ma uno incentivo a capire come migliorarsi.

Ho imparato che un gruppo di persone possono diventare una squadra, efficiente e sinergica.

Oggi vi voglio parlare di quello che non ho detto e, forse, non sapete.

Dai giornali si apprende come Bari Viva sia nata, da un tweet di Emiliano. Poco si sa del tanto lavoro che Bari Viva ha fatto nei mesi che sono intercorsi da quel momento all'ufficializzazione della lista.

Bari Viva è l'unica lista ad essersi presentata con un programma personale, e non di coalizione. Potrebbe sembrare una cosa irrilevante?!?

Per noi è stato il modo di dimostrare, prima a noi stesse e poi a tutti quelli a cui chiediamo il voto, che fare politica non significa solo "candidarsi", ma, cosa più importante, concorrere all'interesse della coalizione e del suo progetto portando in dote prima di tutto le nostre idee e le nostre esperienze, e poi i nostri voti.

Bari Viva, grazie alle competenze dei candidati della lista, ha sviluppato, insomma, da neofita, un programma strutturato, strutturale e applicabile.

I candidati di Bari Viva hanno personalmente lavorato in tutte le fasi, dalla presentazione in comune della rosa dei nomi, alla ricerca e nomina dei rappresentanti di lista, dalla grafica dei volantini elettorali all'"attacchinaggio" dei manifesti negli spazi che ci sono stati assegnati.

Il primo traguardo lo abbiamo raggiunto il 26 aprile, con la presentazione ufficiale della lista in comune.

Presentare una lista in una città grande come Bari, non è proprio una cosa "semplice" ed intuitiva.

All'interno della nostra lista siamo tutti nuovi nel mondo della politica. Stiamo imparando a padroneggiare e a districarci in meccanismi, "trucchi del mestiere" in situazione che fino a ieri non ci appartenevano.

Lo facciamo e lo faremo in modo limpido, mantenendo il nostro modo di essere semplici e originali.

Non è stato di certo facile. Ma abbiamo maturato, in questi mesi, una stupenda consapevolezza.

Il 25 maggio sarà un giorno di vittoria.

Lo sarà perché abbiamo costruito qualcosa di bello, fresco, innovativo.

Lo sarà perché abbiamo costruito una nuova IDEA di fare politica.

E non ci fermeremo al 25... Non chiuderemo battenti come altre liste civiche.

Questi 30 nomi che compongono BARI VIVA sono solo l'inizio di un percorso. E ci auguriamo si possa allargare e coinvolgere altre donne baresi...

E che possa conquistare sempre più uomini.

To infinity and… beyond!

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

BariToday è in caricamento