Politica

Decaro e il suo primo anno da sindaco: "Ogni giorno un pezzo di futuro"

Il primo cittadino traccia il bilancio del suo primo anno di governo. "Realizzate tante piccole e grandi opere per i baresi di oggi e quelli di domani.

Questo pomeriggio, presso l’ex Mercato del pesce in piazza del Ferrarese, il sindaco di Bari Antonio Decaro ha parlato ai cittadini dopo i primi 12 mesi di amministrazione, commentando le opere e le iniziative realizzate e quelle future.

“Ogni giorno, da quando sono diventato sindaco - ha esordito Decaro - insieme agli assessori con cui lavoro, stiamo costruendo il futuro di questa città, realizzandolo un pezzo alla volta, con piccole azioni quotidiane e grandi passi in avanti verso la soluzione di questioni importanti di cui si parla da più di venti anni. Ogni volta che abbiamo messo un mattoncino, come nel gioco del tetris, abbiamo guardato già ai prossimi tasselli".

CASA E LAVORO - Il sindaco è partito dai temi più cari ai baresi, il diritto alla casa e l'occupazione: "In questi 365 giorni ci siamo occupati della vita dei baresi, e nel frattempo abbiamo posto le basi per migliorare quella dei loro figli, partendo dalla casa e dal lavoro. Su entrambi i fronti abbiamo avviato iniziative innovative e dato risposte concrete: un piano straordinario di edilizia popolare che ci permetterà entro due anni di consegnare 248 alloggi, dopo i 35 già assegnati, il protocollo d’intesa per il social housing e il primo bando della storia della città per la morosità incolpevole. In un’ottica di welfare attivo abbiamo avviato i cantieri di cittadinanza per offrire concrete opportunità di lavoro a 400 persone disoccupate che riceveranno un contributo di 400 euro al mese per sei mesi in cambio di ore di lavoro. 

RIQUALIFICAZIONE DEGLI SPAZI - Un altro punto affrontato da Decaro è stato quello relativo alla riqualificazione degli spazi: l’allocazione del Polo della giustizia, la riqualificazione della Caserma Rossani e della Manifattura Tabacchi su tutti. "In questo primo anno di mandato abbiamo istruito le procedure per la riqualificazione degli spazi e dei luoghi individuati così da dare ai cittadini la possibilità di tornare a viverli. Con il progetto sulla caserma Rossani abbiamo avviato la più grande riqualificazione urbana di uno spazio pubblico della città - 8 ettari di superficie e 5 edifici, vincolati dalla Sovrintendenza - coinvolgendo la cittadinanza in un vero processo di partecipazione. Finalmente il “Miglio della cultura” sta prendendo forma: lo scorso 23 febbraio il Comune di Bari ha acquisito al patrimonio comunale il Teatro Margherita e l’ex Mercato del pesce, grazie ad un’intesa triangolare che vede protagonisti il Comune di Bari, la Regione Puglia e lo stesso Mibact. Il teatro Margherita e l’ex Mercato del pesce, insieme alla sala Murat, saranno riqualificati grazie un finanziamento complessivo di dieci milioni di euro rivenienti dal “Patto per Bari”. Entro il 2016 i cantieri di queste opere saranno avviati. Così facendo il Polo delle arti contemporanee della città di Bari sarà realtà".

BARI PER BENE - Decaro in questi primi mesi ha puntato forte anche sul decoro e sul rispetto dell'ambiente urbano: "A febbraio 2015, abbiamo avviato il progetto Bari per bene, un patto di collaborazione tra amministrazione e cittadini per prendersi cura della città. Dopo i quartieri di Madonella e Bari Vecchia, Bari per bene approderà a Palese - Santo Spirito nel mese di agosto per poi spostarsi in autunno nel quartiere Libertà".

I CANTIERI -  Il sindaco ha poi fatto il punto sulle tante opere pubbliche completate e su quelle da terminare: "Nei primi mesi di mandato, ci siamo impegnati nella chiusura di tutti i cantieri in corso e abbiamo restituito 10 spazi alla fruizione dei cittadini: via Argiro, piazzetta Eleonora, lascito Garofalo, piazza Massari, largo Adua, piazza Madonnella, piazzetta Cirillo, la pista ciclabile sul lungomare V. Veneto e, a giorni, piazza IV Novembre. Nel 2016 apriremo cantieri, grandi e piccoli, cominciando con la manutenzione straordinaria delle strade - 10 milioni di euro tra 2015 e il 2016 - e avvieremo i lavori per l’allargamento di via Amendola, la realizzazione della pista ciclabile che va da piazza Garibaldi a piazza Massari, la costruzione del mercato coperto di via Pitagora e il secondo lotto della riqualificazione di piazza San Francesco a Santo Spirito, per non citare tutti i cantieri annunciati sulle grandi opere.

UN LUNGOMARE UNICO - Infine Decaro ha parlato di quello che è un suo sogno: "Vorrei che Bari nei prossimi anni diventasse una città sul mare che possa godere a pieno del suo lungomare. Per questo dobbiamo impegnarci a far sì che ci sia un lungomare unico da Torre a Mare a Santo Spirito e per far questo abbiamo in cantiere un progetto per ogni quartiere: riqualificazione del lungomare di Torre a Mare; dragaggio porti minori; riqualificazione della spiaggia di San Giorgio; difesa della costa da San Giorgio a Torre Quetta; collegamento Torre Quetta – Pane e Pomodoro (3,5 km di spiaggia unica); realizzazione della piattaforma a mare sul lungomare monumentale; riqualificazione dei moli San Nicola e Sant’Antonio; riqualificazione del lungomare Imperatore Augusto; porto turistico di San Cataldo; realizzazione spiaggia a San Cataldo; nuovo waterfront a San Girolamo; pedonalizzazione lungomare di Santo Spirito. Ognuno di questi progetti, di queste opere, costituisce un mattoncino che può rendere Bari la città che insieme abbiamo sognato durante la campagna elettorale e per cui ho ricevuto la fiducia dei cittadini” ha concluso il primo cittadino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Decaro e il suo primo anno da sindaco: "Ogni giorno un pezzo di futuro"

BariToday è in caricamento