menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aqp, Boccia: "Se non c'è Pisicchio, meglio un bando internazionale"

Il presidente della commissione Bilancio della Camera (Pd) sulla nomina del nuovo presidente di Aqp: evitare scelte mediocri

"All'Acquedotto pugliese serve un management adeguato alle sfide difficili e complesse che abbiamo davanti. È arrivato il momento di guardare al futuro". Così il presidente della commissione Bilancio della Camera, Francesco Boccia, in una nota, sulla nomina del nuovo presidente di Aqp.

"Quando si devono gestire 450 milioni di euro di fatturato è opportuno pensare a una delle più grandi aziende del Paese e certamente la più grande di Puglia, pensando come fosse non solo un'azienda, ma nello stesso tempo centro di eccellenza e una straordinaria rete sotto la quale è possibile unire diversi servizi. Sono convinto - prosegue Boccia - che Pino Pisicchio, di cui si parla in queste ore, potrebbe essere un eccellente presidente per le sue competenze accademiche e politiche, ma se non volesse accettare la designazione sarebbe bene che la Regione si rivolgesse al mondo manageriale e aprisse una procedura internazionale per attirare uno dei tanti giovani cervelli italiani o pugliesi che oggi s'affermano sulle piazze in tutto il mondo e hanno voglia di rientrare per offrire il loro contributo di professionalità per la loro terra".

"Sarebbe un bel segnale per tutti e costituirebbe lo strumento per rilanciare l'Acquedotto pugliese non solo in Italia ma soprattutto all'estero dove l'alta professionalità e la stessa mission dell'azienda possono essere un eccellente biglietto da vista per la nostra regione. Sono convinto che tanti giovani manager oggi all'estero, con esperienze di gestione di grandi aziende internazionali, non si lascerebbero sfuggire l'occasione di rientrare anche con uno stipendio da alcuni ritenuto incongruo ma oggi sicuramente abbastanza in linea con il mercato. Michele Emiliano, che ha affermato la primavera pugliese proprio grazie al contributo di tanti giovani - conclude Boccia - non potrà che condividere questa linea di apertura dei confini e delle menti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento