menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aumento Tari, consiglieri di opposizione contro il sindaco: "Si dimetta"

Gli esponenti di centrodestra chiedono le dimissioni del primo cittadino: "Giustifica gli aumenti con i maggiori costi delle discariche, ma non si preoccupa delle inefficienze del suo operato"

Centrodestra all'attacco del sindaco Antonio Decaro sulla questione relativa all'aumento della Tari. I consiglieri di minoranza Carrieri, Di Paola, Melchiorre, Melini, Romito e Finocchio chiedono le dimissioni del primo cittadino, accusato di essere "incapace di amministrare bene Bari e abile solo ad aumentare le tasse". 

"La tassa sui rifiuti quest'anno aumenterà del 12%", attaccano i consiglieri, e il sindaco "si "giustifica" dicendo: "...sono aumentati i costi che le discariche private ci chiedono per smaltire i IMG-20160420-WA0017-2rifiuti".  Per il sindaco, quindi, dobbiamo versare più tasse, per pagare di più le discariche private che è ormai certo provocano danni enormi all'ambiente".

"L'Amiu e il sindaco di Bari - proseguono i consiglieri - non pare però siano interessati a questi temi. Sono solo interessati a spendere e incassare sempre di più (quest'anno l'Amiu costerà ai baresi la cifra record di oltre 64 milioni di euro) e non si preoccupano delle conseguenze delle loro inefficienze (+tasse +rifiuti in discarica +inquinamento). Ecco perchè chiediamo le dimissioni del sindaco di Bari. Un sindaco incapcace di amministrare bene Bari e abile solo ad aumentare le tasse (IMU è ormai ai massimi di legge 1,06% e anche l'addizionale Irpef è ai massimi di legge 0,8%). I baresi non meritano questo, dimissioni!".
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento