Politica

"Bari città camper friendly", la proposta del candidato sindaco Olivieri

Il presidente di Realtà Italia: "Bari deve attrezzarsi e intercettare l’importante flusso turistico dei camperisti”. Un piccolo investimento comunale per una grande ricaduta economica e turistica"

“La nostra città deve attrezzarsi e intercettare l’importante flusso turistico dei camperisti”. Lo ha detto Giacomo Olivieri, candidato sindaco al Comune di Bari e presidente di Realtà Italia, firmando stamattina una dichiarazione d’intenti con Tommaso Navarra, delegato per la Puglia del Camper Club Italiano, per realizzare a Bari un’area attrezzata per camper e caravan.    

“Con la firma di oggi – ha detto Olivieri –  mi sono impegnato formalmente a individuare un’area, attualmente dismessa, che potrebbe essere trasformata in un sito adatto a ospitare i tanti turisti ‘en plein air’. Basterebbe un piccolo investimento comunale per far rientrare Bari all’interno di circuiti nazionali e internazionali scelti da migliaia di camperisti che, fino ad ora, non hanno potuto fare tappa qui da noi. Il tutto con una grande ricaduta economica e turistica sul territorio. Sebbene la nostra sia la città di San Nicola, e quindi amante dei forestieri, non è ancora pronta per accoglierli al meglio. Dotarsi di un’area sicura, completa di servizi, significa puntare su un settore turistico ancora poco valorizzato. Ideale sarebbe una zona vicina al centro e ben collegata dai mezzi pubblici. Si potrebbero così far sostare per qualche giorno anche i tanti camperisti che transitano da Bari per imbarcarsi verso Grecia, Turchia o Albania”.

“A Bari non ci sono aree pubbliche di questo tipo. La nostra città – ha spiegato Tommaso Navarra delegato per la Puglia del Camper Club Italiano  - ha una predisposizione naturale all’accoglienza dei turisti ma non sa valorizzarla. Da decenni sono camperista e, come coordinatore di diversi gruppi, ho sostato nei luoghi più inospitali della terra ma non qui perché manca un posto dove lasciare i mezzi. Eppure basterebbe un’area illuminata, piantumata, videosorvegliata, con l’allacciamento elettrico e un sistema integrato di carico e scarico delle acque”.  

Dai dati forniti dal Camper Club Italiano, su elaborazione del rapporto stilato nel 2013 dall’Associazione produttori camper (Apc), ogni anno, su un totale di 5,6 milioni di turisti en plein air,  3,1 milioni sono italiani. Per l’Osservatorio della Banca d’Italia, la spesa sostenuta da un mezzo con due persone a bordo è di 104 euro al giorno: il 46% destinato all’acquisto di prodotti dell’agro-alimentare, il 20% alla sosta, il resto a ristoranti e musei.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Bari città camper friendly", la proposta del candidato sindaco Olivieri

BariToday è in caricamento