Politica

Pubblica amministrazione, Bari vince l'Oscar di Bilancio 2014

Il riconoscimento assegnato questo pomeriggio a Roma premia solidità e trasparenza dei conti. Decaro: "Un premio che onora il grande lavoro portato avanti in questi anni"

Il Comune di Bari vince l'Oscar di Bilancio della Pubblica amministrazione 2014. Dopo essere arrivata tra le finaliste per due anni consecutivi, la città di Bari si è aggiudicata quest'anno - per la categoria Comuni capoluogo - il riconoscimento che premia gli enti locali "che hanno attuato la migliore rendicontazione economica, sociale ed ambientale sull’esercizio 2013, attuando una tempestiva ed efficace comunicazione nei confronti dei cittadini e degli stakeholder", spiega una nota del Comune.

L’annuncio ufficiale è stato dato questo pomeriggio a Roma, nel corso della cerimonia ufficiale di proclamazione, durante la quale il Comune di Bari è stato rappresentato dal direttore della Ripartizione Ragioneria Francesco Catanese.

L’Oscar di Bilancio, organizzato e gestito dalla FERPI - Federazione Relazioni Pubbliche Italiana, annovera nel comitato promotore ANCI, Università Bocconi, Borsa Italiana, Cassa Depositi e Prestiti, Università Cattolica, FERPI, FIASO e IFEL. Il premio è organizzato con il contributo di IFEL e la collaborazione di AIAF, ANDAF, ASSIREVI, CERGAS, GBS, RAGIONERIA DELLO STATO, SIEP e GRUPPO 24 ORE. Gode del patrocinio di ANCI, Conferenza Regioni e Province Autonome, FIASO e UPI.

Soddisfatto il sindaco Decaro: "Sono orgoglioso di ritirare un premio così prestigioso per il Comune di Bari - ha commentato il primo cittadino - Con il nostro bilancio abbiamo messo a disposizione dei cittadini, che giudicano l’utilizzo delle risorse, uno strumento semplice che indica le scelte fatte, i costi sostenuti e i tagli subiti. Si tratta di un riconoscimento che onora il grande lavoro portato avanti in questi anni dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco Michele Emiliano e dall’intera ripartizione Ragioneria che ha a capo il dott. Catanese. Avere un bilancio solido significa per noi oggi garantire ai cittadini servizi efficienti e avere la possibilità di avviare una programmazione articolata. Tra i dati di cui andiamo maggiormente fieri c’è la riduzione dell’indebitamento del Comune, pari al 1% circa, e la disponibilità di liquidità della spesa corrente per 170 milioni, alla stregua dell’avanzo di amministrazione che nel 2013 ha segnato quota 180 milioni di euro. Grazie alla riduzione del peso del patto di stabilità sui bilanci dei Comuni voluta dal Governo, ci auguriamo di poter continuare a lavorare su questa strada nell’interesse esclusivo della città. Siamo impegnati in un lavoro di analisi ed efficientamento dei costi per ridistribuire i fondi e garantire così ai cittadini assistenza e servizi con l’obiettivo di ridurre la pressione fiscale".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pubblica amministrazione, Bari vince l'Oscar di Bilancio 2014

BariToday è in caricamento