Bonafede a Bari per il polo della Giustizia, ma senza Decaro: "Qui i tecnici del Comune", ma il sindaco lo smentisce

Il Guardasigilli nel corso del sopralluogo alle Casermette, scelte per il progetto del polo giudiziario, ha risposto ai giornalisti che gli chiedevano conto dell'assenza del primo cittadino, che ha poi smentito il ministro: "Nessun invito, ma non voglio polemizzare"

L'assenza del Comune al sopralluogo con il ministro Bonafede alle ex Casermette, sede del futuro polo della Giustizia, salta subito all'occhio. Il sindaco non c'è, ma Bonafede risponde ai giornalisti spiegando che il Comune "è presente attraverso i propri tecnici". A smentirlo, però, arrivano successivamente le parole del sindaco Decaro, che nelle dichiarazioni raccolte dall'agenzia Dire riferisce: "Non c'è nessun tecnico del Comune".

E' il retroscena che accompagna la visita a Bari del Guardasigilli, tornato in città per un sopralluogo nelle sedi giudiziarie baresi, e per annunciare il progetto del Polo della giustizia che sorgerà nelle ex Casermette. 

Successivamente, il sindaco Decaro ha però smentito la presenza di tecnici del Comune al sopralluogo, pur sottolineando di non voler fare "polemica sul bon-ton istituzionale, perchè i sindaci hanno senso di responsabilità". "Mi dispiace non aver partecipato al sopralluogo - ha detto Decaro all'agenzia Dire - avremmo potuto dare dei suggerimenti e ringrazio comunque il presidente della Corte di Appello perche' mi ha invitato alla riunione fatta invece qui in tribunale", ha aggiunto Decaro e ha sottolineato: "È importante che oggi il ministro abbia visto le casermette, questa zona che abbiamo individuato a dicembre 2014 e che e' stata messa a disposizione del Comune di Bari proprio per le esigenze dell'edilizia giudiziaria". "Ci ha invitato a sottoscrivere un nuovo protocollo a meta' giugno. Ho chiesto lo studio di pre-fattibilità, avendolo anche pagato e commissionato come Citta' metropolitana. Lo vogliamo perchè lì ci sono le questioni urbanistiche, le questioni legate alla viabilità e anche l'analisi comparativa con altre eventuali soluzioni che erano previste nel protocollo".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Assalto con sparatoria al Banco di Napoli in viale Salandra: scatta il blitz, sette persone arrestate

  • Attualità

    Un dragone colorato sfila in centro: la marcia festosa dei bambini con il 'Corteo del Maggio'

  • Economia

    Laurea honoris causa in Ingegneria: dal Politecnico il riconoscimento all'imprenditore Vito Pertosa

  • Comunali Bari 2019

    Comunali Bari 2019, le proposte dei candidati sindaco: focus con Antonio Decaro

I più letti della settimana

  • Pesciolini d'argento in casa: cosa sono e come difendersi

  • Trema la terra nel Nord Barese: scossa di terremoto avvertita anche a Bari, gente in strada

  • Colpo all'alba in via Dante: furto nella gioielleria Gabriella Trizio

  • Assalto con sparatoria al Banco di Napoli in viale Salandra: scatta il blitz, sette persone arrestate

  • Terremoto nel Nord Barese, sospesi treni sulla Bari-Foggia. Stop anche al traffico delle Fal

  • Associazione mafiosa, droga, armi: al via processo ai clan Capriati e Diomede-Mercante, 90 imputati

Torna su
BariToday è in caricamento