menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Buco da 20 milioni per l'aumento degli stipendi ai dirigenti", il M5S contro Emiliano. La replica: "Bugie cattive"

Botta e risposta tra i pentastellati e il governatore. Il Movimento: "Ci vorranno 10 anni per rientrare dalle perdite". Il presidente regionale: "Somme da recuperare nel modo meno doloroso possibile"

"Sono bugie cattive le loro, perchè spaventano i nostri dipendenti - impegnati in un duro lavoro che ci sta dando tanti risultati - cianciando di trattenute sui loro stipendi che non ci saranno come sanno tutti loro e i sindacati". Il governatore pugliese, Michele Emiliano, attacca il M5S in Consiglio regionale pugliese dopo le loro osservazioni sul presunto buco da 20 milioni di euro nelle casse della Regione a seguito di stipendi elevati e promozioni dei dirigenti che sarebbero avvenute negli ultimi anni. Per il governatore, i pentastellati "mentono anche accomunando la nostra amministrazione a quella precedente: noi abbiamo infatti rimediato ad errori del passato commessi dalle precedenti amministrazioni e non dalla la nostra, risparmiando molto danaro dismettendo tutti gli affitti collegati al completamento della nuova sede del Consiglio Regionale, conseguendo così i risparmi necessari all’equilibrio di bilancio. Le somme in più versate al personale nei dieci anni precedenti la mia amministrazione verranno poi recuperate - dice Emiliano - in modo meno doloroso possibile sul nuovo salario accessorio da versare senza costringere nessuno a restituire quanto percepito in più in un’unica soluzione". 

Il M5S, in una nota, aveva sostenuto che “ci vorranno almeno 10 anni per coprire il buco di 20 milioni creato dagli emolumenti che il Consiglio Regionale della Puglia ha pagato impropriamente ai propri dirigenti dal 2011 al 2016. Con l’interrogazione chiedevamo all’assessore al Personale Nunziante quali azioni concrete la Regione avesse intrapreso per individuare le cause e responsabilità in merito al considerevole montante da recuperare, senza che ciò che era stato un errore si ripercuotesse sui dipendenti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento