Caos e insulti in Consiglio comunale, Carrieri: "Nessuna minaccia di morte, mie parole strumentalizzate"

Il consigliere di opposizione in una nota interviene su quanto accaduto ieri in Consiglio e sulle parole rivolte al presidente Cavone: "Avevano un senso politico, ma si è voluto distogliere l'attenzione dalla vera questione dell'edilizia giudiziaria"

"Un tentativo strumentale e puerile di volermi accusare di aver voluto minacciare di morte qualcuno". Così il consigliere di centrodestra Giuseppe Carrieri, in una nota, torna su quanto accaduto nel corso della seduta del Consiglio comunale che si è tenuta venerdì sera.

"“T’ia fa mri”, ” T’ia da la morte” - scrive Carrieri in una nota - è una tipica espressione barese che –per quanto a mia conoscenza- in determinati contesti significa ti darò filo da torcere; ti incalzerò; non te la farò passare liscia. Bene, è esattamente questo il senso che si voleva dare e si è dato al questa frase da me veemente rivolta al presidente –protempore- del consiglio comunale di Bari; infatti ho aggiunto subito dopo che le prossime sedute li avremmo fatti stare fino all’alba con l’ostruzionismo e subissandoli di richieste ed emendamenti alle varie proposte di delibera. Era quindi ovviamente (non essendo io un criminale/omicida/pluripregiudicato) un “ti devo dare la morte politica, ti farò vedere i sorci verdi” il significato dell’affermazione rivolta in quei concitati momenti d’aula. Sicchè del tutto strumentale, puerile e profondamente scorretto è quindi il tentativo del sindaco –protempore- e del presidente del consiglio comunale –anch’egli protempore  e anch’egli del partito democratico- di volermi accusare di aver, invece, voluto minacciare di morte qualcuno.  Un tentativo maldestro ed evidentemente posto in essere per screditare agli occhi dell’opinione pubblica un avversario politico e per distogliere l’attenzione dei Cittadini verso la vera questione". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il punto, infatti - prosegue il consigliere - è che dopo 4 anni di chiacchiere e di comunicati stampa del sindaco Decaro, il centrodestra barese aveva chiesto un rendiconto in aula consiliare (davanti alla Città) e in seduta monotematica, di cosa si fosse fatto –realmente- per risolvere una grave emergenza cittadina: l’edilizia giudiziaria. Il sindaco, invece di spiegare e ascoltare i suggerimenti del consiglio in tema, ha deciso prima di intervenire (anche) per insultare alcuni consiglieri (Di Paola-Romito-Mangano-il sottoscritto); poi di cedere la parola al capogruppo del partito democratico Bronzini, il quale (ovviamente prendendo esempio dal suo cattivo “maestro”) ha prima rincarato la dose degli insulti al sottoscritto con affermazioni del tutto false e non veritiere. Poi fatto sciogliere la seduta chiedendo la verifica del numero legale, senza consentire –di fatto-  la rettifica a noi che eravamo stati oggetto di false affermazioni. Con la colposa complicità appunto del presidente Cavone, il quale -ai sensi del regolamento d’aula- doveva, invero, immediatamente consentire a chi si era sentito offeso di replicare, nel frattempo che si compiva il procedimento di verifica del numero legale. Da qui il trambusto e l’espressione certamente forte pronunziata in un contesto di accesa discussione e di lesione della possibilità di difesa di un consigliere comunale, pochi secondi prima platealmente e gravemente oggetto di false ricostruzioni da parte di un “collega”! La vera questione quindi è che il sindaco Decaro ha inteso sottrarsi al confronto (proprio andandosene con i suoi consiglieri) sulla questione dell’edilizia giudiziaria della Città di Bari, sulla quale -vorrei ricordare- da anni i consiglieri comunali baresi di centrodestra si stanno ferocemente battendo per dare delle soluzioni. Prima chiedendo (in aula consiliare con mozioni e ordini del giorno) che si costruisca il secondo di palazzo di giustizia di corso della Carboneria, come da progettazione esecutiva pagata quasi 5 milioni di euro con fondi del bilancio comunale. Poi opponendosi (con azioni in strada) al trasferimento di parte degli uffici giudiziari (lavoro e penale) in altri edifici a Modugno (e chiedendo il riuso di immobili dismessi dello Stato nel centro cittadino). Ora contrastando (con note ufficiali al ministero) l’insana idea del sindaco di costruire un nuovo palazzo di giustizia a Carrassi (zona casermette), cosi svuotando il quartiere Libertà di un presidio di legalità! Un impegno serio, una priorità del centrodestra, su una questione importantissima che investe un tassello importante della convivenza civile e della sicurezza urbana: l’agibilità, funzionalità ed efficienza degli uffici giudiziari penali e civili cittadini. Le “case” della giustizia e i luoghi di lavoro di tanti giudici, personale di supporto, avvocati e consulenti, che stanno letteralmente cadendo a pezzi, nella colposa indifferenza del Governo (cui è deputata la manutenzione); e nella colposa inefficacia d’azione del sindaco (nel cui territorio gli uffici si trovano). A fronte di tutto questo - conclude - se si  offende l’interlocutore e ci si sottrae al dibattito politico nei luoghi istituzionali, il minimo è prendersi un: “T’ia da la morte”!".
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento