Politica

Carrieri si allontana dalla Lega: "Ricompattare il centrodestra. Primarie per scegliere candidato sindaco"

Il consigliere comunale spiega le ragioni dello "stop al percorso di avvicinamento" al movimento salviniano: "Nessun riscontro di un progetto effettivamente di respiro nazionale"

Un passo indietro prima della presentazione delle liste "per fugare ogni dubbio", un passo in avanti già pensando alle Comunali 2019: Giuseppe Carrieri ha annunciato, nei giorni scorsi, di aver stoppato il suo percorso di avvicinamento alla Lega di Salvini, con la quale aveva condiviso idee, battaglie e anche incontri, come nel caso di settembre scorso, quando il leader del Carroccio venne a Bari per sancire l'ingresso ufficiale di diversi esponenti locali già eletti in partiti del centrodestra. In questi mesi, le cose, però, sono cambiate. Da una parte l'ingresso di altri esponenti importanti pugliesi nel Carroccio, dall'altra la ripresa di Forza Italia in città con il ritorno di Massimo Cassano. Uno scenario in continua evoluzione che, però, non è alla base della decisione di Carrieri: "Avevo cominciato questo cammino - spiega a BariToday - perché pensavo che per fare politica bisognava far parte dei grandi partiti. Non mi sono mai iscritto al partito né dichiarato ufficialmente consigliere della Lega. Purtroppo non ho avuto riscontri di un progetto effettivamente di respiro nazionale che avesse come riferimento anche le problematiche di un Sud bisognoso di un grande contenitore politico per crescere". Carrieri è insoddisfatto per non aver ottenuto "l'appoggio della Lega" a questioni riguardanti l'edilizia giudiziaria, lo sviluppo economico e la crescita delle imprese locali anche attraverso iniziative da approvare nella legge di bilancio: "Al momento - aggiunge - non vedo più le condizioni per continuare il mio percorso di avvicinamento, pur ritenendo Salvini il candidato premier nel centrodestra con più personalità".

Verso le Comunali 2019: "Primarie nel Centrodestra"

Lo 'stop' di Carrieri avrà qualche riflesso sulla lunga campagna per eleggere il sindaco nel 2019: "Al momento - afferma - il centrodestra è disperso e da ricompattare. Un'idea potrebbe essere il gruppo unico in Consiglio comunale. Attualmente vi sono tanti esponenti di centrodestra nel Misto". Questo gruppo, secondo Carrieri, potrebbe proporre, già in estate, un candidato sindaco da confrontare con altri in una tornata di primarie da tenersi magari in autunno: "Dobbiamo evitare - ritiene  - che il centrodestra abbia un candidato solo negli ultimi mesi, magari calato dall'alto. Bisogna recuperare un'unità d'intenti per contrastare chi governa male a Bari da 15 anni".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Carrieri si allontana dalla Lega: "Ricompattare il centrodestra. Primarie per scegliere candidato sindaco"

BariToday è in caricamento