Caso Cassa Prestanza, ne discuterà il Governo nella Legge di Bilancio 2020: approvato l'odg

A renderlo noto sono i proponenti dell'ordine del giorno, i senatori del Movimento 5 Stelle Gianmauro Dell'Olio e Vincenzo Garruti

La protesta dei dipendenti comunali per la Cassa Prestanza

L'ordine del giorno sulla Cassa di Prestanza del Comune di Bari è stato approvato nella discussione sulla prossima Legge di Bilancio. La conferma arriva dai portavoce del Movimento 5 stelle al Senato, Gianmauro Dell'Olio e Vincenzo Garruti. La vicenda della Cassa prestanza - finita al centro delle cronache anche durante l'inaugurazione del Piccinni, quando i dipendenti del Comune hanno protestato in piazza - verrà quindi discussa a livello nazionale.

"Un primo atto concreto con il quale il Governo valuterà l'opportunità di adottare provvedimenti normativi allo scopo di garantire ai dipendenti pubblici iscritti alla Cassa di Prestanza del Comune di Bari il recupero delle somme versate, in modo da conciliare l'esigenza di evitare un danno erariale con la necessità di tutelare i diritti degli iscritti" spiegano i due portavoce al Senato Dell'Olio e Garruti. "Abbiamo cercato anche di stanziare direttamente delle somme a Bilancio ma il MEF - aggiungono - data la complessità del tema e della Legge di Bilancio, non è riuscito a predisporre per tempo la relazione tecnica".

"Avevamo promesso, dapprima con gli ex portavoce Sabino Mangano e Francesco Colella, ed oggi con la nostra azione politica, di non abbandonare i dipendenti del Comune di Bari e non li abbandoneremo. Rispetto a chi ha cercato ingiustamente di creare divisioni (tra chi denunciava e chi in silenzio assisteva al prosciugamento della Cassa per mascherare il proprio mancato controllo, abbiamo sempre specificato che la nostra azione politica mirava a far luce sulla legittimità dei contributi comunali e sulla gestione della Cassa Prestanza" sono le parole di Elisabetta Pani, capogruppo M5S al Comune di Bari che aggiunge anche che  "cosi come abbiamo sempre dichiarato che avremmo cercato di tutelare quanto versato, anzi trattenuto in busta paga dal Comune di Bari e rigirato alla Cassa di Prestanza, i veri risparmi dei dipendenti. Adesso, con l'approvazione dell'Ordine del Giorno, si apriranno nuovi scenari nazionali ma continueremo con la nostra azione in Commissione Trasparenza, per far luce sulle responsabilità dirette relative alla gestione della Cassa di Prestanza".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Qui il crudo di mare è una vera favola", Alessandro Borghese e la sfida di '4 Ristoranti' a Bari: il migliore? E' a Santo Spirito

  • Ultimo giorno di zona gialla, da domani la Puglia torna in arancione: cambiano regole e divieti

  • Arriva il freddo russo, temperature in picchiata anche in Puglia: rischio neve a quote basse

  • Scuola in Puglia, c'è l'ordinanza di Emiliano: superiori in Ddi per un'altra settimana, per elementari e medie resta la scelta alle famiglie

  • Nuovo Dpcm in arrivo: ecco regole e restrizioni, cosa cambia dal 16 gennaio. Puglia verso l'arancione

  • Un'altra stretta con il nuovo decreto anti Covid: Puglia verso la zona arancione?

Torna su
BariToday è in caricamento