Politica

Cisl Bari: “Il testo unico sulla rappresentanza - Dopo 20 anni una svolta sui temi della rappresentanza sindacale e della contrattazione”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Ci sono voluti 20 anni per modificare le regole sulla rappresentanza e sulla contrattazione. Un accordo firmato da CISL CGIL UIL e CONFINDUSTRIA e presentato oggi a Bari, nel corso di un seminario aperto al pubblico organizzato dal segretario generale Cisl Bari Vincenzo Di Pace.L'incontro nato sulla scorta del forte impulso conferito dalla Cisl nazionale alla campagna di informazione sull'accordo Rappresentanza e rappresentatività

Sull'importanza dell'accordo e di quanto questo rappresenti per le aziende e per il nostro territorio uno strumento utile per affrontare, gestire e contrastare gli effetti della crisi, hanno parlato oltre a Di Pace, il segretario aggiunto Cisl Bari Giuseppe Nanula, Giulio Colecchia Seg Generale USI Puglia basilicata e il Segretario Nazionale Luigi Sbarra.

"L'accordo - ha spiegato Di Pace - riafferma il ruolo delle parti sociali e la capacità autonoma di trovare soluzioni adeguate, più mirate ed efficaci di quanto non possa fare un intervento di legge e, si configura come la conclusione logica, coerente e necessaria di tutto il percorso di ammodernamento delle relazioni industriali avviato con la piattaforma CGIL CISL UIL del maggio 2008 e sviluppatosi attraverso i vari accordi interconfederali sul nuovo modello contrattuale, sui rinnovi dei ccnl e degli accordi di secondo livello che ne hanno sostanzialmente recepito i contenuti, sul Patto per la Produttività, sull'accordo per la detassazione dell'aprile 2013 e sugli accordi sulla rappresentanza sopra richiamati. Un'intesa che pone le basi per ritrovare strategie comuni e, che potrà senza dubbio favorire una stagione per la ripresa economica e l'occupazione". "Una importante - ha concluso Di Pace - svolta sui temi della rappresentanza sindacale e della contrattazione, che in questi anni hanno visto posizioni contrastanti tra i sindacati, nel mondo delle imprese, nel dibattito politico e perfino nelle sentenze della magistratura del lavoro"

"Avere regole chiare e certe - ha spiegato Nanula - nei rapporti è importante, perché ogni sforzo ora deve essere teso a favorire la creazione di nuovo lavoro, in questa fase così difficile per tante persone, per tante famiglie».

L'accordo - ha poi aggiunto Colecchia - fissa il criterio per la misurazione della rappresentanza sindacale a livello nazionale e aziendale, tramite un mix tra numero degli iscritti a ciascuna organizzazione sindacale e voti ricevuti nella elezione delle RSU. Si stabiliscono inoltre la titolarità ed efficacia della contrattazione collettiva nazionale ed aziendale e le modalità volte a garantire l'effettiva applicazione degli accordi sottoscritti nel rispetto delle regole concordate"

«Siamo convinti che un' efficace misurazione della rappresentatività e la garanzia di piena attuazione degli accordi raggiunti favoriscano da un lato un salto di qualità nelle relazioni industriali e dall'altro contribuiscano a dare maggiori certezze anche a chi voglia investire nel nostro Paese» è stata la conclusione del Segretario nazionale Cisl Luigi Sbarra.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cisl Bari: “Il testo unico sulla rappresentanza - Dopo 20 anni una svolta sui temi della rappresentanza sindacale e della contrattazione”

BariToday è in caricamento