Domenica, 13 Giugno 2021
Politica

Città metropolitana, sindaci e consiglieri al voto per l'elezione del primo Consiglio

Seggi aperti fino alle 20 per le elezioni di secondo livello con cui gli amministratori locali sono chiamati a scegliere i 18 componenti del nuovo organo di controllo della Città metropolitana, che dal 1° gennaio 2015 prenderà il posto della Provincia

Decaro al seggio in Provincia

Sindaci e consiglieri dei 41 Comuni della provincia di Bari al voto per eleggere il primo Consiglio della Città metropolitana.

Al seggio, allestito nella Sala Giunta del Palazzo della Provincia di Bari e aperto fino alle 20, sono chiamati 717 amministratori locali (si tratta di elezioni di secondo livello, alle quali dunque non partecipano i cittadini), che dovranno scegliere i primi 18 consiglieri metropolitani di Bari. A ciascun votante viene consegnata una scheda elettorale di colore diverso a seconda del peso specifico del voto che varia a seconda della popolazione residente in ciascuno dei 41 Comuni baresi (si passa da un indice ponderato di 820 per Bari a un indice ponderato di 15 dei Binetto e Poggiorsini, i paesi più piccoli della Provincia). Ogni sindaco o consigliere è comunque chiamato a esprimere una sola preferenza.

Il sindaco di Bari, Antonio Decaro, ha votato questa mattina.  Secondo i dati trasmessi dall'Ufficio elettorale istituito dalla Provincia di Bari, alle ore 12 hanno votato il 45,57% degli aventi diritto al voto, vale a dire 317 fra sindaci e consiglieri comunali.

Centrodestra e centrosinistra si presentano alle elezioni ciascuna con una propria lista unitaria, a cui se ne aggiunge una terza composta da un raggruppamento di civiche. La lista del centrosinistra, 'Città insieme', riunisce Pd, Sel, Realtà Italia e liste civiche che sostengono il sindaco, Antonio Decaro, e il presidente della Regione, Nichi Vendola e la lista Pisicchio. I candidati sono 18 (il massimo possibile per lista) e tra loro vi sono tre donne. Il centrodestra corre invece con la lista 'Alleanza per la Città Metropolitana', sostenuta da Fi, Udc, Fratelli d'Italia, Impegno civile e movimento Schittulli. Anche in questa lista i candidati sono 18, due dei quali sono donne. Nessuna rappresentanza femminile invece per la terza lista, 'Terre democratiche', che raccoglie in tutto nove candidati appartenenti a liste civiche.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Città metropolitana, sindaci e consiglieri al voto per l'elezione del primo Consiglio

BariToday è in caricamento