Verso le Comunali 2019, scaramucce in casa Decaro: i centristi declinano l'invito per il primo tavolo programmatico

In una nota congiunta, i consiglieri Pisicchio, Maurodinoia e Campanelli hanno detto no all'incontro convocato per il 12: "Bisogna conoscere programmi e recinto della futura coalizione"

Antonio Decaro ed Alfonso Pisicchio

Il centrosinistra comincia a scaldare i motori in vista delle Comunali 2019 ma bisticcia sulla convocazione del tavolo tra le varie forze che dovrebbero comporre la coalizione a sostegno della rielezione del sindaco Antonio Decaro. Non è piaciuta, infatti, ad alcuni partiti che a Palazzo di Città supportano il primo cittadino, la "forma" e "la sostanza" con la quale il prossimo 12 settembre era stata annunciata la riunione, da parte del segretario cittadino del Pd, Silvio Delle Foglie. E' quanto afferma una nota congiunta dei consiglieri comunali Alfonso Pisicchio (Iniziativa Democratica), Anita Maurodinoia (Sud Al centro), e Salvatore Campanelli (Emiliano Sindaco di Puglia): "Prima di aprire qualsivoglia tipo di tavolo e di farne parte - spiegano - occorre preventivamente conoscere il recinto della futura coalizione e il programma di governo che essa intende presentare all’elettorato per le Amministrative 2019 del Comune di Bari.  Al tempo stesso appare irrealistica e scarsamente condivisibile la modalità di convocazione. Ci saremmo infatti aspettati una proposta di incontro non dal segretario cittadino del Partito Democratico, ma da chi vuole realmente rappresentare la proposta politica per le prossime elezioni comunali: il sindaco uscente Antonio Decaro. Sindaco al quale noi rappresentanti delle forze civiche chiediamo impegni precisi nell’ottica di un possibile fronte elettorale: un programma maturo e organico, un progetto di alleanze più incisivo e inclusivo che guardi al vasto mondo civico, al mondo dell’associazionismo e al recupero di quell’elettorato deluso e che non si riconosce nelle attuali offerte politiche".

"Forze politiche abbiano tutte pari dignità"

"In una futura coalizione tutte le forze - aggiungono i tre esponenti della maggioranza -  in campo devono avere pari dignità. Nessuna ha infatti il primato assoluto per dettare l’agenda politica su tempi, modalità, luoghi e temi dei prossimi incontri, e soprattutto il tema della costruzione del programma non può che essere il più partecipato e condiviso dalla comunità barese evitando di ricorrere ai rituali vetusti della politica. Per tutte queste ragioni i firmatari di questo documento politico declinano l’invito a presenziare al tavolo del prossimo 12 settembre, confidando in un immediato cambio di rotta da parte del Partito Democratico cittadino e del sindaco Decaro". Una data, quella del 12, che al momento non sembra essere neppure troppo sicura per il primo tavolo programmatico di una campagna elettorale che si annuncia lunga e ricca di spunti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso il Dpcm del 3 dicembre, tra ipotesi di nuove restrizioni e deroghe per i ricongiungimenti familiari

  • Dagli spostamenti tra regioni ai cenoni (vietati), il nuovo Dpcm e le misure al vaglio per Natale

  • Scontro tra auto e bici sulla Statale 16 a Torre a Mare: muore ciclista 31enne

  • Tragico incidente sulla statale 16 a Bari: impatto tra auto e camion, muore donna

  • Asfalto viscido per la pioggia, auto si ribalta e finisce fuori strada: muore 19enne

  • Investe ciclista sulla ss16 e fugge, arrestata pirata della strada: positiva all'alcol test

Torna su
BariToday è in caricamento