menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Santini elettorali a scuola, la preside si difende, i docenti prendono le distanze: "Episodio inaccettabile"

Il caso della dirigente scolastica Rosangela Colucci, accusata di aver fatto circolare materiale elettorale ai ragazzi dell'istituto. La diretta interessata: "Iniziativa da me autorizzata"; insegnanti e personale scolastico: "Coinvolti a nostra insaputa"

La preside si difende, affermando di non essere mai stata a conoscenza dell'iniziativa, né di averla mai autorizzata. Docenti e personale scolastico, dall'altra parte, prendono le distanze dall'episodio, dissociandosi - di legge in una nota - "da quanto accaduto nella propria scuola il 17 maggio e dalle dichiarazioni della dirigente scolastica".

Una vera e propria bufera, quella che si è scatenata in queste ore in merito a quanto sarebbe avvenuto nella scuola media 'Amedeo d'Aosta', la cui dirigente scolastica, Rosalba Colucci, è candidata al Consiglio comunale in una lista civica della coalizione che sostiene il sindaco uscente, Antonio Decaro.

Era stato proprio il primo cittadino, nella giornata di ieri, a denunciare l'episodio, facendo riferimento una lettera, consegnata ai ragazzi insieme ad un santino, in cui la preside chiedeva ai genitori sostegno per la sua candidatura.

La diretta interessata però respinge le accuse, affermando di non aver mai autorizzato la distribuzione di materiale simile. Collaboratori scolastici e insegnanti, dal canto loro, in una nota prendono le distanze dell'episodio, affermando di essere stati "coinvolti - a loro insaputa - in azioni lesive della loro funzione di educatori e della dignità personale, poiché il materiale distribuito era chiuso e spillato e pertanto il contenuto non visibile". Il caso insomma continua a far discutere, mentre la preside fa sapere di non escludere azioni legali.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento