Giovedì, 18 Luglio 2024
Comunali Bari 2024

Ballottaggio per l'elezione del sindaco, Laforgia ribadisce l'appoggio a Leccese: "Lavoreremo per un programma comune"

L'ex candidato annuncia il prossimo passo condiviso fra i 2 esponenti della coalizione di centrosinistra: "Sottoscriveremo il patto per la legalità"

"Ci presenteremo uniti il 23 e 24 giugno e resteremo uniti anche dopo, al governo della città". Lo scrive, in un post sulla sua pagina facebook, Michele Laforgia, ribadendo il suo appoggio a Vito Leccese nel ballottaggio per l'elezione del nuovo sindaco di Bari.

"Abbiamo dichiarato pubblicamente e da tempo che, non essendo riusciti a concordare una candidatura unitaria, entrambi abbiamo accettato la candidatura a Sindaco allo scopo non di dividere, ma di unire e allargare la coalizione delle forze progressiste - spiega Laforgia - Sin da subito, pertanto, sottoscriveremo il patto per la legalità e, partendo dai rispettivi programmi, lavoreremo per condividere un programma comune che possa rappresentare l’intera coalizione, in coerenza con le proposte che abbiamo avanzato al momento della presentazione delle liste e in campagna elettorale per una città più giusta, più inclusiva, più sostenibile e più verde. Con l’intesa, subito dopo il voto, di costruire insieme a tutte le componenti della coalizione progressista, con criteri di rappresentatività, competenza e pari dignità, la squadra per garantire alla città il miglior governo possibile".

Laforgia ha risposto anche alle accuse del candidato sindaco di centrodestra, Fabio Romito, che lo ha accusato di aver tradito gli elettori dopo aver invocato la discontinuità con la precedente amministrazione comunale di centrosinistra. "Fabio Romito tradisce due volte l’intelligenza degli elettori - ha dichiarato Laforgia - la prima nascondendo il simbolo della Lega dalle liste a suo sostegno, la seconda farneticando sulle intenzioni di chi ha votato per le coalizioni progressiste. Ha già tentato in campagna elettorale di utilizzare l’accordo pubblico tra me e Vito Leccese per elemosinare qualche voto in più, e non gli è andata benissimo. Ora grida allo scandalo perché restiamo dalla stessa parte e annuncia l’invasione del consiglio dei ministri per darsi un’aria marziale, forse ispirato dalle decime del suo generale preferito. Ho l’impressione che sia completamente fuori strada e gli auguro sinceramente di reperire argomenti migliori per il prosieguo della sua campagna elettorale".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ballottaggio per l'elezione del sindaco, Laforgia ribadisce l'appoggio a Leccese: "Lavoreremo per un programma comune"
BariToday è in caricamento