rotate-mobile
Martedì, 21 Maggio 2024
Comunali Bari 2024

Titti De Simone lascia la presidenza del Pd Bari: "Mi dimetto, il rinnovamento del partito è ostacolato"

L'esponente locale dem: "Ho maturato questa decisione dato che il mio sostegno al candidato sindaco Michele Laforgia è ritenuto incompatibile con il mio ruolo, cosa che mi è stata più volte comunicata dai vertici del partito locale nei giorni scorsi"

"Ho deciso di dimettermi dal ruolo di Presidente del Pd di Bari". Lo ha annunciato Titti De Simone con un post sulla sua pagina facebook. Nelle ultime settimane l'esponente locale dem aveva sottolineato la sua distanza dalle decisioni dei vertici pugliesi del partito che avevano indicato Vito Leccese come candidato di centrosinistra a Bari. De Simone, insieme ad un gruppo minoritario del Pd, aveva espresso il proprio appoggio a Michele Laforgia, candidato sostenuto dai partiti che compongono la 'Convenzione per Bari 2024' e Movimento 5 Stelle.

"Per battere le destre e recuperare l’astensionismo di tanta parte della cittadinanza, serve una proposta per la città forte e credibile, che tenga conto della necessità di un rinnovamento della politica e del Pd e insieme di un rilancio programmatico del centrosinistra, che parta dai problemi sociali ed ambientali, dalla partecipazione delle/i cittadine/i alle scelte importanti che attendono la città - scrive Titti De Simone - Abbiamo bisogno di un nuovo inizio, dopo un ciclo di 20 anni, con tante luci, certo, ma che ha esaurito la propria spinta propulsiva. Queste sono state per mesi, e sono ancor più oggi, le ragioni di fondo del sostegno espresso a Michele Laforgia, anche nelle sedi del partito democratico, ed ho maturato questa decisione dato che tale sostegno è ritenuto incompatibile con il mio ruolo di Presidente, cosa che mi è stata più volte comunicata dai vertici del partito locale nei giorni scorsi".

"Dunque faccio una scelta - ribadisce la presidente dimissionaria - Non ho cambiato idea, avevo già manifestato, il mio sostegno a Michele Laforgia insieme ad altre e altri dirigenti e iscritti, sperando in una ricomposizione unitaria alla quale abbiamo incessantemente lavorato, convinti che la candidatura di Michele Laforgia sia la proposta che serve a Bari e alla sua visione di futuro. È mia intenzione impegnarmi come sempre a viso aperto e con lealtà, anche verso il Pd, nel quale sono entrata sperando in un vero rinnovamento, che tuttavia appare ancora oggi ostacolato e inascoltato. Per tali ragioni, mi dimetto dal ruolo di Presidente del Pd di Bari, rimanendo iscritta, auspicando che il partito nazionale possa aprire una discussione vera, ascoltando iscritte/i ed elettrici/ori che hanno creduto nel cambiamento".

"Una parte ampia della comunità di democratiche e democratici, sono certa che sosterrà Michele Laforgia, in coerenza con la domanda di apertura verso i movimenti, le nuove emergenze sociali , economiche e ambientali e quella sinistra diffusa che ancora non vede un cambio di passo da parte del Pd locale - conclude De Simone - Un cambio invece necessario ancor più oggi per compiere una netta rottura con il trasformismo e le ammucchiate elettorali. Continuerò a lavorare per l’unità del campo progressista, quello che a noi in assoluto preme di più, e insieme per il rinnovamento del Pd, per liberare energie e aprire una fase nuova".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Titti De Simone lascia la presidenza del Pd Bari: "Mi dimetto, il rinnovamento del partito è ostacolato"

BariToday è in caricamento