Giovedì, 21 Ottobre 2021
Politica

Comune, il Consiglio approva assestamento di bilancio. Ma in aula è polemica

Approvata il 'riassetto' del budget pari circa 5 milioni di euro. Ma i consiglieri di centrodestra lasciano per protesta l'Aula: "Indignati per i tempi, documenti trasmessi alla Commissione competente solo martedì scorso, senza dare ai consiglieri il tempo di verificare"

Il Consiglio comunale approva l'assestamento di bilancio di previsione 2015, con una variazione pari a circa 5 milioni di euro. Il via libera dell'assise comunale è arrivato nel corso della seduta convocata questa mattina. Ma nel corso della seduta non sono mancante le polemiche, con i consiglieri di opposizione che hanno deciso di lasciare l'aula Dalfino.

Al centro della protesta i tempi, ritenuti eccessivamente ristretti, per l'approvazione della variazione. Già nei giorni scorsi, l'Opposizione aveva denunciato il notevole ritardo con cui il documento era giunto all'analisi della Commissione competente. Questa mattina, poi, la scelta di non partecipare alla votazione. "Lasciamo l'Aula Dalfino - scrive Irma Melini, consigliera di FI - indignati per i tempi con i quali la Giunta Decaro presenta la variazione di bilancio a questo Consiglio. Un atto importantissimo a cui la legge dello Stato affida come termine ultimo per l'approvazione il 30 novembre: oggi. Una variazione arrivata nella Commissione competente solo martedì scorso, così da esautorare i consiglieri del compito di verifica e modifica dell'atto. Ancor più grave, però, aver mandato deserto il Consiglio convocato sabato scorso per arrivare oggi ad approvare la variazione con un quorum dimezzato. Una furbizia non da buon Amministratore che è costata alle casse della Città, alle nostre casse, lo stipendio straordinario comunque pagato ai funzionari presenti".

In una nota Palazzo di Città spiega la manovra approvata.  "Per assicurare l’avvio e la prosecuzione delle procedure di spesa inerenti alcune componenti dell’avanzo di amministrazione accertato con il rendiconto di gestione 2014, derivanti da entrate finalizzate e vincolate al riutilizzo o accantonate per investimenti, si è proceduto ad applicare parte delle somme ai capitoli di spesa in conto capitale", si legge nel comunicato. Tre le voci incluse nella varazione di bilancio: maggiori entrate di natura tributaria pari a 2,9 milioni, derivanti dalla lotta all’evasione; maggiori entrate per trasferimenti correnti per circa 609mila euro (da amministrazioni pubbliche e imprese; maggiori entrate extratributarie, per circa 1,4 milioni di euro, rappresentate da 900mila euro per contravvenzioni elevate a causa del mancato rispetto del Codice della strada, da 300mila euro provenienti dalla vendita di servizi e dalla gestione dei beni (diritti di segreteria e cancelleria, servizi culturali, celebrazione di matrimoni civili, diritti e proventi derivanti dagli introiti relativi all'occupazione dei posteggi ortofrutticoli giornalieri, fitti per la gestione dei beni) e da circa 200mila euro per rimborsi e altre entrate correnti (rimborsi dagli enti di appartenenza, retribuzione personale in posizione di comando).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune, il Consiglio approva assestamento di bilancio. Ma in aula è polemica

BariToday è in caricamento