Lunedì, 25 Ottobre 2021
Politica

Giunta Decaro, bilancio di fine anno delle Opposizioni: "Bocciatura completa"

Conferenza stampa di fine anno organizzata da Centrodestra e M5S per evidenziare le criticità dell'amministrazione cittadina nel corso del 2015. Melchiorre (Fd'I): "Un voto? Due di incoraggiamento. Chiediamo dimissioni assessore Ambiente e presidente Amiu"

Sicurezza che non c'è, città sporca e alcune aziende municipalizzate in difficoltà. Il bilancio dell'amministrazione Decaro per il 2015 è, secondo le opposizioni, un fallimento dopo l'altro. I consiglieri comunali di Centrodestra e del Movimento Cinque Stelle hanno organizzato, questa mattina, una conferenza stampa per spiegare punto per punto la loro delusione sulla gestione della città. Poco prima, l'ultimo consiglio comunale dell'anno, dopo la maratona di ieri, era andato a vuoto per mancanza del numero legale, con la presenza di solo 8 consiglieri di Opposizione e di 4 della Maggioranza: "Abbiamo chiesto - spiega Filippo Melchiorre (Fd'I) - le dimissioni dell'assessore all'Ambiente, Petruzzelli, e del presidente dell'Amiu. Non sono più tollerabili le quotidiane situazioni di degrado in città nonostante l'azienda percepisca 63 milioni di euro all'anno dal Comune".

Le Opposizioni attaccano Decaro anche su altri versanti, a cominciare proprio da sicurezza e qualità della vita: "C'è illegalità diffusa - prosegue Melchiorre - , dai parcheggiatori abusivi davanti alla Prefettura alla recrudescenza della criminalità. La classifica de Il Sole 24 Ore ci consegna Bari all'88mo posto. E' un dato realistico: la qualità della vita in città e pessima e, ad esempio, sul fronte turistico, non può bastare una serata di Capodanno per rilanciare il settore, quando gli alberghi, nei giorni precedenti e successivi al Concertone, sono vuoti. Il nostro voto complessivo alla Giunta Decaro? E' un 2 di incoraggiamento".

Sulla stessa lunghezza d'onda anche il M5S: "Oggi poteva essere l'occasione per discutere di argomenti interessanti per la città, invece abbiamo solo sprecato tempo e soldi. Restano tanti nodi, a cominciare dal totale declino di alcune municipalizzate come Amtab e Multiservizi e di un'amministrazione che ha già incamerato 80 milioni di euro in debiti fuori bilancio provenienti da più ripartizioni, per non parlare poi - continua - del Decentramento, mai attuato pienamente e su cui non è stato convocato neppure un Consiglio monotematico, come richiesto mesi fa da noi. Sui cantieri di cittadinanza, invece, dopo tanti proclami, si procede estremamente a rilento, quando invece il Comune dovrebbe perseguire l'obiettivo di un vero Reddito di cittadinanza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Giunta Decaro, bilancio di fine anno delle Opposizioni: "Bocciatura completa"

BariToday è in caricamento