Mercoledì, 22 Settembre 2021
Politica

Consiglio comunale flop, manca numero legale: "Presenti 9 consiglieri su 36"

La seduta durata pochi minuti: si sarebbe dovuto discutere di Piano Comunale di Protezione Civile sulle emergenze meteo e aggiornamento del contratto di servizio dell'Amiu. Melini: "Ennesimo affronto alla città"

Si sarebbe dovuto discutere del Piano Comunale di Protezione Civile sulle emergenze meteo e poi dibattere sull'aggiornamento del contratto di servizio dell'Amiu: nulla di tutto ciò. Ancora un flop per il Consiglio comunale barese, riunitosi quest'oggi alle 14. Una seduta di pochi minuti a causa della mancanza del numero legale: erano solo 9, infatti, i consiglieri presenti in aula al momento dell'appello. Eppure, tra le altre cose, vi sarebbe dovuta essere anche l'ufficializzazione di Francesca Contursi come consigliere nelle fila del Pd, dopo la prematura scomparsa di Maria Maugeri. Quest'ultimo aspetto sarà rimandato alla prossima seduta, quella di dopodomani, quando è previsto il Question time. nel caso dovesse andare deserta anche quella, ce ne sarà un'altra, ordinaria, venerdì, in cui dovranno essere discussi, improrogabilmente, alcuni debiti fuori bilancio in scadenza.

LA REPLICA DELLA MAGGIORANZA: "ARGOMENTI GIA' TRATTATI IN COMMISSIONE"

Nel frattempo, le opposizioni, polemizzano per il nulla di fatto di questo pomeriggio: "Il consiglio comunale di oggi era stato voluto da ben 10 consiglieri, con me proponente - afferma Irma Melini (ScelgoBari) - per affrontare concretamente l'emergenza alluvioni e i disservizi sul sistema di raccolta dei rifiuti oggetto, in queste ore, di esose cartelle esattoriali nelle case dei baresi con la Tari.  L'assenza dei consiglieri di maggioranza e di gran parte dell'opposizione cristallizza lo scollamento reale fra la politica e i bisogni dei baresi.  Un consiglio comunale che aveva ad oggetto ben 7 ordini del giorno, che trovavano soluzioni concrete per far fronte nell'immediato all'emergenza allagamenti. Sul punto, un esempio per tutti, la richiesta esplicita di provvedere a sistemi automatici di chiusura dei sottopassi allagati per evitare che qualche cittadino rischi la vita quando ormai sono inagibili. E' un ennesimo affronto alla città" conclude la consigliera.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consiglio comunale flop, manca numero legale: "Presenti 9 consiglieri su 36"

BariToday è in caricamento