menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rilievi Mef, le Opposizioni dopo il Consiglio comunale Flop: "Decaro evita la discussione"

Centrodestra e Movimento Cinque Stelle polemizzano dopo la brusca chiusura di ieri dell'assemblea: "Non serve aspettare le controdeduzioni all'analisi degli ispettori. La Maggioranza non vuole il confronto"

Il giorno dopo la brusca chiusura del Consiglio comunale barese monotematico, sulla relazione del Ministero dell'Economia riguardante presunti sprechi e incongruenze nella gestione del personale a Palazzo di Città, le Opposizioni di centrodestra e il Movimento Cinque Stelle stigmatizzano il comportamento della Maggioranza, rea, a loro avviso, di voler evitare il confronto su un argomento importante. Ieri i lavori dell'assemblea sono terminati dopo poche decine di minuti, per mancanza del numero legale: il centrosinistra, infatti, ha seguito la linea tracciata dall'amministrazione, ovvero aspettare le controdeduzioni degli uffici comunali ai rilievi del Ministero, risposte pronte entro il 23, come richiesto dal direttore generale del Comune, Davide Pellegrino.

Proprio su questo punto si scatenano le ire delle Opposizioni che hanno convocato una conferenza stampa per esprimere il loro punto di vista, incontro a cui hanno partecipato Romito e Finocchio per il gruppo Misto, Carrieri (Impegno Civile), Picaro e Ranieri per Ap-Ncd, Melchiorre (Fdi-An), Mangano e Colella del M5S: "Giorni fa, pochi minuti dopo che il presidente Di Rella - afferma Romito - aveva ufficializzato la monotematica per il 20 settembre, è arrivata la nota di Pellegrino che consentiva le controdeduzioni entro il 23. Come mai ha aspettato così tanto, visto che il documento del Mef è disponibile da agosto? Evidentemente è stata la nostra richiesta di discutere ad averli spinti alle riflessioni. Il sindaco deve assumersi delle responsabilità. Sta cercando di ribaltare la discussione scaricandola verso gli uffici ed escludendo responsabilità politiche".

Dello stesso avviso anche Melchiorre: "Il sindaco non riesce più a governare politicamente la sua maggioranza. I dirigenti vengono ricompensati mentre la macchina amministrativa non funziona -spiega citando poi un episodio avvenuto poco tempo fa - .Giorni addietro l'assessore Maselli ha portato in Giunta una delibera. Dagli atti risultava che lui fosse assente ma nell'atto c'era scritto 'udita la relazione dell'assessore'. Abbiamo chiesto, in Commissione Cultura, con quale strumento giuridico fosse stata udita, con le sedute spiritiche?",

La bagarre di ieri, in ogni caso, ha prodotto dal centrodestra e dai Cinquestelle una nuova richiesta di monotematica sull'argomento, alla quale è seguita un'altra, identica, presentata dalla Maggioranza di centrosinistra. Il presidente del Consiglio comunale, Di Rella, dovrebbe, a questo punto, accorparle entrambe e decidere per una data, presumibilmente attorno al 10 ottobre, giusto pochi giorni prima del convegno nazionale dell'Anci a Bari. Nel frattempo, per domani, durante la seduta ordinaria dell'assemblea, in cui, oltre a numerosi debiti fuori bilancio, verrà discusso anche il Documento Unico di Programmazione 2017-2019, sono annunciate scintille tra i banchi: "Il collega Introna - spiega Carrieri - ha detto che è pronto a togliersi i guantoni? Noi ci siamo. Era impossibile rinviare il Consiglio di ieri perché i rilievi del Mef non hanno bisogno di controdeduzioni da parte del Comune. Si tratta di osservazioni oggettive".

Sulla questione gli fa eco anche Mangano : "Si tratta di tematiche già sollevate da anni. Quando le abbiamo segnalate abbiamo avuto solo risposte vuote e vaghe dagli uffici. C'è stata una mancanza di rispetto, la stessa che si verifica quando manca il numero legale per il question time. Non abbiamo bisogno di una risposta da parte dell'amministrazione. E' già scritto nelle carte. La maggioranza sta mascherando una pessima continuità amministrativa fin dai tempi di Emiliano. Per i premi, a quanto pare, bastava autocertificare di essere bravi nel proprio lavoro e quindi riceverli. Cerchiamo di tornare alla realtà: chiediamo al sindaco di dimettersi per incapacità sua e del suo staff".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini Covid, Lopalco: "Con limiti ad Astrazeneca dosi non utilizzabili per soggetti fragili, ecco perché somministrazioni ad altre categorie"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

BariToday è in caricamento