Politica

Contrasto alla violenza di genere, la legge regionale incassa il sì della I Commissione

Approvato oggi a maggioranza dalla I Commissione il disegno di legge che si propone di rafforzare la rete di servizi e assistenza per donne e bambini vittime di violenza. Al momento la legge è finazianta con 900mila euro

Arriva il sì della I Commissione consiliare alla legge contro la violenza di genere. Il ddl è stato approvato oggi a maggioranza con l’astensione di FI-Pdl.

Il provvedimento, presentato già a marzo scorso dopo l'ok della giunta regionale, ha come obiettivo il rafforzamento della rete dei servizi territoriali a sostegno delle donne e dei minori vittime di violenze.

In particolare, la Regione si impegna a sostenere le attività dei Centri Antiviolenza a favore delle donne sole o con minori e delle Case rifugio, favorendo la collaborazione con la rete dei servizi sociali sanitari territoriali, e detta indirizzi per garantire all’interno degli ospedali e delle Asl, percorsi privilegiati di accesso dedicati alle vittime di violenza. Per quanto riguarda l’assistenza economica e alloggiativa, il ddl stabilisce che nella quota degli alloggi di Erp, nella disponibilità dei singoli Comuni, sia prevista una riserva per le donne e i minori che, per motivi di sicurezza,
debbano abbandonare la propria abitazione.

Sul fronte della comunicazione, la legge stabilisce l'impegno della Regione a sottoscrivere protocolli con gli operatori della comunicazione per l’adozione di modelli comunicativi che non utilizzino linguaggi offensivi, discriminatori, o che incitino ad atti di violenza, e soprattutto la facoltà, da parte dell'Ente, di costituirsi parte civile nei procedimenti penali per atti di violenza nei confronti delle donne e dei minori. I casi di violenze e molestie sui luoghi di lavoro rientrano, invece,  nelle competenze della Consigliera regionale di Parità.

Prevista inoltre l’istituzione di un tavolo interassessorile con funzioni di indirizzo politico e una task force permanente con il compito di predisporre strumenti operativi. Il monitoraggio è affidato invece ad una sezione dedicata dell’Osservatorio regionale delle Politiche sociali. Al momento, l’impegno finanziario previsto per la copertura della legge è di 900.000 euro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Contrasto alla violenza di genere, la legge regionale incassa il sì della I Commissione

BariToday è in caricamento