Venerdì, 24 Settembre 2021
Politica

"Troppi debiti fuori bilancio" e fitti non riscossi, la Corte dei Conti 'bacchetta' il Comune di Bari

Analizzato il Rendiconto 2014: tra le altre criticità anche "la scarsa movimentazione dei residui", tra questi 20 milioni di euro di affitti riguardanti abitazioni comunali. Il centrodestra: "Non si agisce da tempo"

La Corte dei Conti pugliese bacchetta il Comune di Bari sui numeri del Rendiconto del 2014: si è conclusa la fase d'istruttoria avviata a marzo per analizzare voce dopo voce le cifre dell'importante documento sui conti cittadini. Ieri il report, depositato il 5 ottobre scorso, è giunto all'attenzione del presidente del Consiglio comunale, Pasquale Di Rella. I magistrati, nel report finale, realizzato anche dopo aver udito il sindaco Antonio Decaro, l'assessore al Bilancio, Alessandro D'Adamo e numerosi dirigenti di Palazzo di Città, sottolineano la "presenza di debiti fuori bilancio di importo rilevante" per circa 12 milioni, la "scarsa movimentazione dei residui" con circa 17 milioni di euro di fitti di abitazioni comunali non riscossi, cifra salita a circa 20 milioni nel 2017. Tra gli altri punti rilevati dalla Corte, vi è una "errata contabilizzazione di voci tra i servizi per conto terzi",  la "violazione di parametri di deficitarietà strutturale" e di necessità di riaggiornare la direttiva (ferma al 2015) della Ripartizione Enti partecipati per evitare lo sforamento delle spese di funzionamento e personale delle società comunali. La richiesta al Comune, da parte della Corte dei Conti, è quella di adottare "ogni misura correttiva idonea" per superare le criticità.

La replica dell'assessore D'Adamo: "Nessuna bocciatura"

Il centrodestra: "Non sapevamo nulla dell'istruttoria"

Sulla relazione il centrodestra in aula Dalfino ha convocato una conferenza stampa, chiedendo chiarezza all'Amministrazione cittadina: "Non sapevamo nulla di questa istruttoria - spiega il consigliere Giuseppe Carrieri (Impegno Civile) -. In Comune hanno portato 'oscar' di bilancio ma la Corte dice tutt'altro. Il Consiglio, entro 60 giorni, dovrà deliberare sull'argomento. Non ne vediamo il rimedio perché, ad esempio, già lunedì avremo altri debiti fuori bilancio di cui discutere. E' come se non si stesse facendo nulla". Per il consigliere Filippo Melchiorre (Fratelli d'Italia), "Decaro avrebbe dovuto far conoscere la situazione alla cittadinanza. Non è possibile andare avanti così. Sulle partecipate, ad esempio, chiediamo anche il curriculum degli ultimi presidenti recentemente nominati, perché dobbiamo renderle efficienti e non zavorre per il bilancio cittadino".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Troppi debiti fuori bilancio" e fitti non riscossi, la Corte dei Conti 'bacchetta' il Comune di Bari

BariToday è in caricamento