Politica

Multe salate e allontanamento delle prostitute: il centrodestra lancia il decreto contro il 'mercato del sesso'

La proposta è stata presentata in mattinata in viale Pasteur dai consiglieri Michele Picaro, Giuseppe Carrieri e Michele Caradonna. "Basta solo la firma del sindaco" spiegano

Multe salate per clienti e prostitute, che in alcuni casi potranno anche essere allontanate. Si può riassumere così il decreto, presentato questa mattina in viale Pasteur a Bari, contro il 'mercato del sesso' cittadino. Un documento che porta la firma di tre consiglieri di opposizione: Michele Picaro, Giuseppe Carrieri e Michele Caradonna.

La scelta di una strada nel quartiere Picone non è casuale: "Abbiamo scelto di parlarne dal Quartierino - spiega Carrieri - perché è una delle zone più abbandonate dall’amministrazione comunale”. Un fenomeno, che, come ricordano i consiglieri, rappresenta uno dei problemi più osceni di Bari. Già negli scorsi giorni era stata presentata un'interrogazione in Consiglio, a cui ora segue il documento, redatto sul modello delle ordinanze già adottate con successo in altre città e attualmente ancora in vigore. Per chi verrà scoperto a sfruttare in qualsiasivoglia modo il fenomeno della prostituzione, sono previste "sanzioni pecunarie - si legge nella proposta - fino a 516 euro. In ogni caso ai trasgressori è intimata dagli agenti la cessazione della condotta contraria alla presente ordinanza".

“In questa maniera - spiega Caradonna - abbiamo facilitato il lavoro al sindaco. Non si può far finta di nulla: il problema della prostituzione è esteso in tutta la città di Bari: dal Quartierino al Lungomare, da San Giorgio a Sant’Anna. È un fenomeno da sconfiggere soprattutto per tutelare decoro, igiene e sicurezza urbana".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Multe salate e allontanamento delle prostitute: il centrodestra lancia il decreto contro il 'mercato del sesso'

BariToday è in caricamento