I milioni donati dal sultano al Conservatorio destinati a borse di studio: la proposta dei parlamentari 5 stelle al Miur

Giuseppe Brescia, Paolo Lattanzio, Gianmauro Dell’Olio e Vincenzo Garruti hanno chiesto un incontro con il ministro Manfredi. I 3 milioni di euro sono tornati nella disponibilità dell'Ente dopo lo scioglimento della Fondazione Giovanni Paolo II

"Con i soldi del sultano si finanzino borse di studio per gli studenti meritevoli del Conservatorio": è la richiesta arrivata dai parlamentari baresi del Movimento 5 stelle, relativa ai 3 milioni di euro donati dal sultano dell'Oman al Conservatorio di Bari, tornati nella disponibilità dell'Ente dopo lo scioglimento della Fondazione 'Giovanni Paolo II'.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per capire come trasformare la proposta in realtà, Giuseppe Brescia, Paolo Lattanzio, Gianmauro Dell’Olio e Vincenzo Garruti hanno chiesto un incontro con il ministro dell'Università e della Ricerca, Gaetano Manfredi. "“Già nella scorsa legislatura avevamo contestato con diversi atti parlamentari la creazione della Fondazione Giovanni Paolo II - spiegano in una nota - Avevamo ragione, quella fondazione è stata sciolta. Oggi chiediamo che i 3 milioni del Sultano vadano a iniziative per la crescita degli studenti e del conservatorio e non a interventi di edilizia, peraltro già recentemente finanziati dal Ministero con 847mila euro.” aggiungono i parlamentari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Ero a fare le pelose" sul lungomare: scatta multa da 3mila euro. A Bari oltre 300 persone in quarantena

  • Stroncato dal coronavirus a 44 anni: l'addio di amici e colleghi per Luca Tarquinio Coletta, 'gigante buono' della Multiservizi

  • Nonno contagiato dal Coronavirus al San Paolo: in sette vivevano nell'appartamento da 60mq

  • Muore medico barese contagiato dal coronavirus: è la terza vittima in Puglia tra gli operatori sanitari

  • "I non residenti lascino casa per i controlli", nei condomini di Bari numerosi manifesti truffa: indaga la Polizia

  • Genitori ricoverati per coronavirus, due adolescenti in quarantena soli a casa: l'aiuto di Carabinieri, parenti, amici e Comune

Torna su
BariToday è in caricamento