Mercoledì, 28 Luglio 2021
Politica

Regione, Vendola non lascia: "Resto saldo al timone della Puglia"

Il governatore: "Resterò fin quando non riterrò conclusa la legislatura". La replica di Fitto: "Inventa la legislatura ad personam". Da oggi le consultazioni per il rimpasto in giunta

Nichi Vendola non lascia la Regione. Dopo l'azione di protesta dei consiglieri Pdl che hanno occupato l'aula di via Capruzzi per chiedere al governatore risposte certe sul suo futuro politico, Vendola interviene per fare chiarezza: "Se ne facciano tutti quanti una ragione. Resterò ben saldo al timone della Puglia fin quando non riterrò conclusa la legislatura". "Non ho alcuna intenzione - ha proseguito Vendola - di abbandonare la Puglia, una regione che, rammento ai miei smemorati colleghi che invece di governare si divertono a distribuire documenti, siamo riusciti a trasformare radicalmente in questi anni di governo regalandole indicatori economici importanti in un periodo buio e tempestoso come questo che stiamo vivendo. Oggi, alla vigilia di una crisi ancora più drammatica e dai toni sempre più foschi, continuare a giocare strumentalmente sul futuro della Puglia è davvero scandaloso. Ripeto, io resto in Puglia e non vi è alcuna incertezza al riguardo".

Il governatore, quindi, non  lascia, almeno per ora. Ma la sua risposta continua a non soddisfare l'opposizione, che chiede invece tempi certi sulle dimissioni di Vendola e per bocca dell'onorevole Fitto replica: "Annunciando urbi et orbi che resterà ben saldo al timone della Puglia finché lui non riterrà conclusa la legislatura, Vendola non solo non si è accorto che il timone è rotto, ma si è pure inventato la legislatura 'ad personam'". "Esigiamo di sapere - afferma Fitto - sulla base di quali tempistiche e piani personali imposterà le necessarie strategie di intervento richieste con urgenza dalle imprese, dai lavoratori e dai cittadini di questa regione".

Nel frattempo in via Capruzzi continua la protesta dei consiglieri di centrodestra, che da lunedì hanno occupato l'aula consiliare proprio per chiedere al governatore risposte certe circa la sua intenzione di lasciare o meno la Puglia. Stamattina intanto Vendola darà il via alle consultazioni per il rimpasto di giunta resosi necessario con l'elezione di tre assessori al Parlamento (Fratoianni e Pelillo a Montecitorio, Stefàno a Palazzo Madama).

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Regione, Vendola non lascia: "Resto saldo al timone della Puglia"

BariToday è in caricamento