Martedì, 19 Ottobre 2021
Politica

Dubbi sul bando per il corteo di San Nicola, la replica dell'assessore Maselli

L'assessore alle Culture risponde alle obiezioni dollevate dal regista Nicola Valenzano durante una conferenza stampa

In una nota diffusa nel pomeriggio da Palazzo di Città, l'assessore alle Culture, Silvio Maselli, replica alle 'obiezioni' emerse oggi in merito al bando 2016 per il corteo storico di San Nicola.

"In merito alle obiezioni - si legge nel comunicato - sollevate questa mattina da un’esponente del centrodestra e da alcuni operatori culturali della città sulle procedure previste per la selezione del soggetto organizzatore del corteo storico di San Nicola, l’assessore alle Culture Silvio Maselli ribadisce che il ricorso al MEPA - Mercato elettronico della pubblica amministrazione non è una scelta discrezionale dell’assessorato, ma una precisa indicazione di legge, secondo quanto previsto dall’art. 1, c. 449 e 450, della legge n. 296/2006, come modificati dall’art. 7, c. i e 2 del D.L. n. 52/2012, conv. in legge n. 94/2012; art. 328 c. 1, del D.P.R n. 207/2010; art. 33, comma 3-bis, del D.lgs. n. 163/2006 come da ultimo modificato dal D.L. 66/2014.  Il ricorso al MEPA risponde altresì alle disposizioni previste dal Regolamento comunale per l'acquisizione in economia di beni, servizi e lavori, approvato con deliberazione del Consiglio comunale del 10.12.2015.

Essendo il MEPA gestito direttamente da Consip, società per azioni del Ministero dell'Economia e delle Finanze (MEF), l’amministrazione comunale non è in nessun modo responsabile del funzionamento della piattaforma, né autorizzata alla sospensione di alcuna procedura pubblicata.

Ad oggi agli uffici dell’assessorato è pervenuta, in via ufficiosa, solo la segnalazione di un operatore che avrebbe riscontrato un disservizio, e che è pertanto legittimato a procedere con tutte le obiezioni che riterrà opportune nei confronti di chi gestisce il MEPA e ne detiene la responsabilità.

In relazione, infine, alle osservazioni secondo cui alcuni dettagli progettuali inseriti nel regolamento di quest’anno sarebbero stati ripresi dai progetti vincitori delle passate edizioni, l’assessore precisa che all’atto della aggiudicazione di una gara, l’amministrazione comunale diventa a tutti gli effetti proprietaria dell’opera d’ingegno e acquisisce il diritto ad utilizzarla".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dubbi sul bando per il corteo di San Nicola, la replica dell'assessore Maselli

BariToday è in caricamento