Politica

Comunali, Tamborrino (Pd) conferma: “Ad ottobre le primarie”

La segretaria cittadina del partito ribadisce: "Fanno parte della nostra identità". Martedì 2 luglio incontro con i referenti degli altri partiti della maggioranza per concordare un percorso partecipativo

Di nomi se ne fanno tanti. Ma una data per le primarie non c’è  ancora. Il centrosinistra sta man mano entrando nel vivo di una stagione autunnale che si preannuncia densa di appuntamenti. Il secondo mandato di Emiliano sta per volgere al termine, ma tra i simpatizzanti di area c’è già tanta voglia di mettersi a discutere sul futuro della città. Ne abbiamo parlato con Anna Tamborrino, segretaria cittadina del Pd.

Si faranno le primarie? Quando è previsto un incontro con i segretari di tutti gli altri partiti di centro sinistra?
"La nostra idea è che le primarie oramai facciano parte dell’identità del centrosinistra pugliese e pertanto riteniamo dovranno anche questa volta rappresentare una tappa importante per la scelta del futuro candidato sindaco. Martedì 2 luglio, alle ore 19, ci incontreremo con le segreterie di tutti i partiti che attualmente sostengono il governo cittadino barese. Con loro si deciderà il percorso da intraprendere, le modalità partecipative e le scadenze da fissare. E’ importante sottolineare che dovranno essere primarie di coalizione, spesso qualcuno lo dimentica, ed è quindi prioritario stabilire ogni passaggio in modo concertato".

Si aprirà un momento di confronto con i cittadini per la costruzione di un programma condiviso?
"Il nostro progetto è questo. Non vediamo l’ora di aprire i circoli per incontrare i cittadini e discutere con loro cosa è necessario fare per rilanciare una idea nuova di città. Vorremmo realizzare una vera e propria campagna di ascolto, ma sarà importante fissare prima le regole anche con gli altri attori della coalizione".

Quando inizierete?
"Vorremmo fissare le prime date a luglio. Non lasceremo trascorrere agosto senza che prima non si sia accesa la macchina  organizzativa".

Si faranno primarie anche per individuare i candidati alle presidenze di circoscrizioni o municipi?
"Perché no? Anzi, io ritengo che dall’incontro con i cittadini sui macrotemi programmatici possano scaturire anche delle visioni per il futuro dei singoli quartieri. Mi auguro si possa produrre un meccanismo simile a quello per la scelta del sindaco".

Pietro Petruzzelli è il primo candidato ufficiale? Apprezza la sua scelta?
"Credo che avrebbe dovuto informare prima  la direzione di questa sua personale decisione. Detto questo considero Petruzzelli una persona preparata che saprà, insieme a tutti gli altri, animare un bel confronto. Ora però mi auguro voglia far parte del  percorso partecipativo che costruiremo insieme agli altri partiti".

Se Antonio Decaro rinuncerà, Ludovico Abbaticchio è pronto. Si fanno tanti nomi, tra cui anche quelli di Sandro Ambrosi (presidente Camera di Commercio) e dell’imprenditore edile Domenico De Bartolomeo. Conferma?
"Gli ultimi due non mi risultano anche perché non ho mai parlato con loro; ad oggi  escludo che possano essere nostri candidati ma è chiaro che questo è il momento del toto-nomi, di chi si affaccia per perlustrare che aria tira e via discorrendo. La cosa importante è che i candidati rappresentino le istanze del nostro popolo e che siano portatori d’innovazione".

Proporrete una data per le primarie?
"Credo che non si dovrà andare oltre ottobre, prima del congresso nazionale del Pd. Chiunque sarà il candidato occorre iniziare a muoversi con grande tempo d’anticipo sulla scadenza elettorale. Il lavoro da fare è tanto e non c’è più tempo da perdere".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comunali, Tamborrino (Pd) conferma: “Ad ottobre le primarie”

BariToday è in caricamento