Domenica, 13 Giugno 2021
Politica

Fitto re delle preferenze, Gentile oltre quota 140mila. Cataldo (Tsipras) superato da Forenza

L'ex governatore sbanca nell'Italia meridionale con oltre 275mila voti. Nel Pd ottima prova per Pittella (225mila voti) e l'assessore regionale al Welfare. Testa a testa nella lista Tsipras: fuori il segretario regionale Sel

Matteo Renzi vince. Meglio stravince, fino a doppiare Beppe Grillo. A beneficiarne, ovviamente, sono i candidati democratici. Nel Sud, Gianni Pittella raccoglie oltre 225mila preferenze, superando Pina Picierno di diecimila voti. Ottima prova per Elena Gentile con 146mila voti. Per l’assessore regionale al Welfare un risultato straordinario da valutare anche in relazione agli equilibri che si determineranno per le regionali del 2015. Il leccese Stefano Minerva, portato dai Giovani democratici, non riesce a superare quota 60mila e la strada per un posto a Strasburgo si fa in salita.

In Puglia il re incontrastato delle preferenze è Raffaele Fitto. L’ex governatore regionale va oltre i 178mila voti e dimostra di reggere l’onda d’urto renziana e la discesa dei consensi di Forza Italia, che nella regione ha raccolto 385mila preferenze (contro le 550mila del Pd). Fitto è anche il re del consenso nel Sud con oltre 282mila preferenze.

Tornando a valutare il collegio dell’Italia Meridionale, si conferma Massimo Cassano che supera l'asticella dei 18mila voti, una quota assai prossima a quella raccolta nelle scorse regionali a dimostrazione di come il delfino pugliese di Alfano non è affatto sceso tra i suoi. Nella classifica generale è solo settimo e ora occorre comprendere come il ministro dell’Interno deciderà di ricompensare i suoi.

La sinistra radicale rappresentata dal partito "L'altra Europa con Tsipras" ha superato l’asticella del 4 percento. Claudio Riccio ha conquistato oltre 19mila voti, un successo che non basta per lo storico rappresentante del coordinamento universitario nazionale Link. Infatti, dopo Barbara Spinelli (24mila voti), spicca  Eleonora Forenza (area Rifondazione) che riesce a sorpassare Gano Cataldo, segretario regionale Sel, per 800 voti circa. Si tratta di un colpo duro per il vendolismo pugliese, che si vede superato dalla componente più ortodossa della sinistra. La differenza tra i due si è registrata soprattutto in Campania, con uno scarto di quasi settemila voti, che Cataldo non ha saputo controbilanciare. Quest'ultimo è uscito sconfitto anche a Bari, dove figura in terza fila con 1200 voti dietro a Riccio (2267 voti) e Mascipointo (1769 voti).

Nel Sud il Movimento 5 stelle nel Sud riesce a contenere lo svantaggio con Renzi. Se sul territorio nazionale la differenza è di quasi il 20%, nel collegio dell’Italia Meridionale la forbice è di nove punti percentuali. Isabella Adinolfi, Laura Ferrara e Rosa D’Amato le più votate tra i pentastellati.

ELEZIONI EUROPEE: I RISULTATI IN PROVINCIA DI BARI - I RISULTATI PER BARI CITTA' - I RISULTATI PER LISTA E CANDIDATI

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fitto re delle preferenze, Gentile oltre quota 140mila. Cataldo (Tsipras) superato da Forenza

BariToday è in caricamento