Elezioni Politiche 2018, al Senato la corsa di Melchiorre (Fratelli d'Italia): "Flat tax e sostegno alla natalità"

Il consigliere comunale barese è candidato per il collegio uninominale che comprende Bari Città e l'immediato hinterland: "Esiste il problema immigrazione"

Nella quadratura del cerchio del centrodestra per i collegi uninominali baresi della coalizione composta da 4 partiti, Fratelli d'Italia è rappresentata da Filippo Melchiorre, consigliere comunale di Bari in corsa per il Senato nel raggruppamento che riguarda il capoluogo, Bitonto e l'immediato hinterland. Una candidatura che giunge dopo un lungo percorso nelle istituzioni cittadine e "cinque elezioni per Palazzo di Città vinte - spiega - perché ho lavorato sul territorio". I principali punti del programma di Melchiorre mettono l'accento innanzitutto sul sociale: "Siamo - afferma - per la famiglia tradizionale e per aiutare la natalità. Intendiamo supportare gli italiani che vogliono mettere su famiglia, con incentivi economici precisi fino ai 3 anni di vita del bambino. L'indice di natalità in Italia e Puglia è ai minimi storici e c'è bisogno di ripartire dalle nascite". 

"Sì alla flat tax"

Altro aspetto su cui Fd'I intende lavorare è l'economia: "L'obiettivo - aggiunge Melchiorre - è cambiare il sistema fiscale introducendo la flat tax, un'aliquota unica per tutti. Su questa riforma ci sono già le coperture. Vogliamo anche supportare le aziende che decidono di non delocalizzare e assumere persone qui, attraverso incentivi alle imprese giovanili, femminili e a tutte quelle che restano sul territorio, in modo da ridurre il divario tra le due italie. C'è libertà individuale se c'è il lavoro. Importante, inoltre, anche la tutela del made in Italy e dei nostri prodotti".

"Rivedere la norma sulla legittima difesa"

Le questioni riguardanti la sicurezza tengono banco ormai da giorni in campagna elettorale: "Qualche giorno fa - dice Melchiorre - la moglie di un boss del Libertà ha picchiato una giornalista del Tg1. La manifestazione di domenica scorsa, predisposta da una parte del centrosinistra, a cui ho partecipato, ha visto la partecipazione di poche persone. Viviamo in una situazione di omertà dove l'insicurezza resta sovrana. Servono più fondi alle forze dell'ordine e più personale ma anche una rivisitazione della legittima difesa. La legge, attualmente, favorisce l'aggressore. Ciò non vuol dire farsi giustizia da sé, bensì non diventare soggetto debole di una filiera bizzarra. Sullo stesso tema, l'immigrazione è un aspetto trattato spesso dal centrodestra: "Sicuramente il problema esiste - sostiene l'esponente di Fratelli d'Italia - riteniamo debba essere governato in maniera differente. Minniti ha fatto esattamente quello che dicevamo da anni. Vanno fatte azioni nei Paesi di partenza e si può spendere meno danaro destinato alle cooperative che solitamente sono di sinistra. Se uno corre da una guerra, di solito, porta tutta la famiglia. Qui vediamo principalmente uomini giovani che sbarcano sulle nostre coste. La stragrande maggioranza dei migranti, evidentemente rappresenta un'immigrazione economica e non legata alle guerre. Riteniamo che quei pochi immigrati che verranno nel nostro governo debbano attenersi rigidamente alle regole. Quando andiamo all'estero veniamo puniti severamente. Non devono entrare nel nostro sistema imponendo le loro regole". 

"Voti ad altri schieramenti portano ingovernabilità"

Le 4 anime del centrodestra, in ogni caso, dopo qualche momento di confronto più o meno acceso, hanno trovato compattezza in vista del 4 marzo: "Stiamo trovando un'aria positiva - afferma Melchiorre - e un'ospitalità smisurata, un po' come quella di 20 anni fa quando il centrodestra vinse. La campagna però va vista in modo etico e invito tutti a controllare per evitare che vi siano voti di scambio. Al momento siamo davanti ma come ogni competizione bisognerà affrontarla con umiltà e fino alla fine. C'è la possibilità di governare. Gli altri voti, alla Sinistra e al Movimento 'qualunquista' portano solo ingovernabilità".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il van di Borghese sbarca a Bari: lo chef premia il miglior ristorante di crudo di mare

  • "Qui il crudo di mare è una vera favola", Alessandro Borghese e la sfida di '4 Ristoranti' a Bari: il migliore? E' a Santo Spirito

  • Ultimo giorno di zona gialla, da domani la Puglia torna in arancione: cambiano regole e divieti

  • Arriva il freddo russo, temperature in picchiata anche in Puglia: rischio neve a quote basse

  • Scuola in Puglia, c'è l'ordinanza di Emiliano: superiori in Ddi per un'altra settimana, per elementari e medie resta la scelta alle famiglie

  • Nuovo Dpcm in arrivo: ecco regole e restrizioni, cosa cambia dal 16 gennaio. Puglia verso l'arancione

Torna su
BariToday è in caricamento