Elezioni Santeramo 2012

Mario Vito Digregorio: "Per le nomine ai seggi dovremmo pensare ai disoccupati"

Il candidato di TRC è contrario al metodo del sorteggio per la determinazione delle Commissioni Elettorali. Si dovrebbe pensare a persone senza un lavoro

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Arriva in redazione anche la risposta di Tutela e Rinascita Cittadina ovvero di Mario Vito Digregorio: il candidato si dice contrario alla modalità di un pubblico sorteggio per la determinazione delle Commissioni ai Seggi. Si dovrebbe attingere, come aveva già detto a Baritoday durante un'intervista, ad una graduatoria di disoccupati. Vi riportiamo il comunicato pervenuto in redazione.

 

NOMINA DEGLI SCRUTATORI. PER LA LISTA TRC LA SCELTA DEVE RICADERE SUI DISOCCUPATI

La Commissione elettorale di Santeramo oggi nominerà gli scrutatori. Per Mario Vito Digregorio bisognerebbe attingere da una graduatoria di disoccupati.

Si riunirà nella mattinata di venerdì la commissione elettorale del comune di Santeramo per procedere alla nomina degli scrutatori che saranno impegnati alle prossime consultazioni. A prendere la parola sulle modalità di scelta degli scrutatori il candidato sindaco Mario Vito Digregorio che afferma: “Il sorteggio potrebbe rappresentare un criterio imparziale rispetto alla segnalazione degli scrutatori suggeriti dai partiti, ma ci potrebbe essere il rischio concreto che vengano estratte persone non più interessate a ricoprire tale ruolo oppure con una situazione economica più agiata rispetto a quella di un disoccupato. Si può ipotizzare di fare di più, purtroppo non nell’immediato, attingendo gli scrutatori da una apposita graduatoria che tenga presente le condizioni disagiate delle famiglie santermane, opportunamente aggiornata. La ratio del suggerimento nominativo dei partiti dovrebbe essere quella di agevolare chi ha bisogno, purtroppo viene puntualmente male applicata fornendo i nomi di amici e parenti piuttosto che di persone in difficoltà”.

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mario Vito Digregorio: "Per le nomine ai seggi dovremmo pensare ai disoccupati"

BariToday è in caricamento