Elezioni Santeramo 2012

Vito Zeverino: "Vi prometto che rinuncerò alla mia retribuzione"

Il candidato sindaco alle amministrative del 6-7 maggio per il comune santermano ha partecipato a due incontri, lunedì 30 Aprile. Dopo aver accolto il consigliere regionale Anna Nuzziello, incontra i cittadini per ribadire il suo impegno civico e i punti cardine del suo programma

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

Nel doppio appuntamento di lunedì 30 Aprile, il candidato sindaco ribadisce il suo impegno e i punti cardini del suo programma. Alle ore 18, accoglie il consigliere regionale Anna Nuzziello, poi l’incontro con la cittadinanza a piazza Berlinguer. Alla faccia di chi pensava che Vito Zeverino fosse il cosi detto “candidato invisibile”. L’obiettivo è chiaro, le idee pure:”voglio servire 27.000 persone , non più solo 500” -dice Zeverino.

Ma andiamo con ordine.

Alle 18, presso la nuova sede corso Italia, viene accolta il consigliere regionale Anna Nuzziello a sostegno della lista “Donne per Santeramo” fortemente voluta dal candidato. La Nuzziello ha sottolineato come nella giunta regionale su 70 consiglieri solo 3 siano donne e rilancia la proposta di raccolta firme per la legge regionale che vedrà, si spera, in consiglio regionale parità di consiglieri grazie alla doppia preferenza. “La vera politica è tra la gente; il sindaco deve essere il primo e svegliarsi  e l ‘ultimo ad andare a dormire perché deve ascoltare tutti: donne ,bambini, anziani. Le donne devono essere se  stesse, non devono cercare di diventare uomini,ognuno deve avere la propria identità e tornare a fare la vera politica”. Zeverino nel suo breve intervento sottolinea che  prima di essere politici bisogna essere uomini e non parlare a sproposito infangando il nome dell’avversario (in riferimento ai continui attacchi ricevuti). “Il silenzio serve perché io rispetto tutti .Mi accusano di essere un sempliciotto ma almeno io non ho mai rubato nulla”-conclude il candidato.

A piazza Berlinguer  ha esposto alcuni punti del suo programma:

- la riapertura della piazza ( il commissario ha fatto sapere che ci sono gravi problemi perché mancano i soldi necessari per completare i lavori e non vuole firmare per la riapertura dei lavori stessi)

- la proposta di rendere l’ex biblioteca comunale un centro diurno per anziani

- l’apertura del palazzo ex Enal

- lascerà invariata l’aliquota Imu decisa dal Governo, senza alcun innalzamento.

E infine una grande promessa: la rinuncia allo stipendio da Sindaco. Ad una settimana dal voto questo è il quadro politico. I cittadini chiamati a fare una scelta devono decidere del loro destino.

Santeramo merita di più.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Vito Zeverino: "Vi prometto che rinuncerò alla mia retribuzione"

BariToday è in caricamento