Lungomare Sud, il sogno dei 5 Stelle: "Eco-compatibile e a impatto zero"

Vincenzo Madetti, candidato sindaco del M5S: "Contro il degrado attuale abbattere quello che c'è, senza costruire palazzi, ma strutture ricettive e aree verdi di supporto alla costa"

Lungomare Sud, terra di nessuno, o quasi, un buco nero da troppi anni senza un vero progetto di riqualificazione. La questione è inevitabilmente al centro della campagna elettorale e i candidati esprimono idee e progetti, dalla "nuova strategia urbanistica" pensata da Di Paola, all'idea di "Bari come Barcellona" auspicata da Olivieri. In casa M5S invece, la visione è completamente differente: "Bisognerebbe abbattere quello che c'è - propone il candidato sindaco Vincenzo Madetti - senza costruire palazzi, ma strutture ricettive e aree verdi che siano di supporto alla costa". In una parola, il MoVimento insiste su una concezione "ecocompatibile" della costa, con un approccio senza nuove cubature: "Tutto quello che facciamo - afferma - deve avere un impatto ridotto sull'ambiente a fronte di una serie di servizi che attraggano i baresi e i turisti".

La questione riqualificazione del tratto di costa compreso tra San Giorgio e Torre a Mare, nell'opinione comune, dovrebbe andare di pari passo con il progetto di dismissione del Nodo Ferroviario Sud. Secondo il Movimento 5 Stelle, invece, il recupero dell'area a ridosso del mare, può avvenire anche dando priorità alla cancellazione di binari e passaggi a livello nei quartieri a Nord di Bari, Palese e Santo Spirito: "Riteniamo - dice Madetti - che si possa fare, dando però la precedenza a rioni dove si verificano gravi incidenti a causa della presenza dei binari. La ferrovia nel tratto Sud è a 500 metri dal mare, quindi c'è tutto lo spazio per parchi e aree attrezzate".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'obiettivo dunque, è quello di cambiare radicalmente il volto della zona,  "perchè c'è di tutto di più. Si potrebbero pensare a delle zone, come in Salento, con i pontili di legno eco-compatibili. Dobbiamo consentire ai cittadini di restare di più a Bari al mare, valorizzando il tratto di costa, attirando turisti, per esempio costruendo un'area attrezzata per i camper". Più in generale, il M5S propone più alternative fruibili: per farlo, conclude Madetti "bisogna agire sulla riqualificazione del tratto di costa e sulla pulizia del Lungomare, da Torre a Mare a San Girolamo, fino a Santo Spirito".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento