Mercoledì, 28 Luglio 2021
Comunali Bari 2014

Anche la figlia di Diomede in lista per il centrosinistra, la candidatura fa discutere

Anna Esperanza Diomede, 22 anni, è figlia di Michele, di recente tornato in libertà dopo aver scontato una condanna per omicidio. E' candidata nella lista dell'assessore Elio Sannicandro, che sostiene Antonio Decaro. Ma l'aspirante sindaco ha chiesto che la ragazza rinunci

Una candidatura che sta suscitando polemiche all'interno del centrosinistra. E' quella di Anna Esperanza Diomede, in corsa per il consiglio comunale nella lista "SempliCittà" dell'assessore Elio Sannicandro, che sostiene Antonio Decaro. 22 anni, cresciuta al quartiere san Paolo, Anna è figlia di Michele Diomede, esponente della malavita locale, di recente tornato in libertà dopo aver scontato una condanna per omicidio.

Ed è stato proprio il candidato sindaco Antonio Decaro a giudicare inopportuna la scelta, scrivendo a Sannicandro e invitandolo a ritirare una candidatura che "sarebbe stata strumentalizzata da destra e da sinistra", esponendo la stessa candidata a critiche e polemiche di ogni tipo. A lei Decaro ha chiesto di fare un passo indietro, per riconoscendo "che le colpe dei padri non devono ricadere sui figli".

Ma Anna Esperanza ha deciso di non rinunciare, mentre l'assessore Elio Sannicandro prende le difese della giovane, che gli è stata segnalata da un gruppo sportivo del San Paolo, all'interno del quale la giovane si sarebbe distinta proprio per i suoi meriti sportivi. "E' una brava ragazza - ha spiegato Sannicandro - che si vuole impegnare e fare qualcosa di utile per il suo quartiere". Così il candidato sindaco non ha potuto far altro che prendere atto della scelta.

Intanto però il caso continua a far discutere anche i cittadini, che sui social network si dividono tra chi condanna la candidatura ritenendola fuori luogo e chi invece difende la ragazza e la sua voglia di riscatto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Anche la figlia di Diomede in lista per il centrosinistra, la candidatura fa discutere

BariToday è in caricamento