Mercoledì, 23 Giugno 2021
Comunali Bari 2014

Caserma Rossani, Mimmo Di Paola: "Per anni simbolo dell’ipocrisia delle campagne elettorali"

Occupata sabato sera dai giovani di Villa Roth. Il candidato per Impegno Civile: "La città attende da troppo tempo una vera riqualificazione dell'edificio". Petruzzelli: "Nel passato commessi alcuni errori, ma ora l'impegno è di trasformarlo in un polo artistico-culturale per i creativi baresi"

Da Villa Roth alla Caserma Rossani per denunciare l’assenza delle istituzioni e il vuoto delle promesse che in questi anni si sono cumulate sul destino dell’edificio di corso Benedetto Croce. I ragazzi del collettivo che nel 2011 avevano occupato villa Roth, e che il 14 gennaio scorso sono stati allontanati su esecuzione di un decreto di sequestro firmato dal tribunale di Bari, sabato sera hanno deciso di far culminare il loro corteo proprio all’interno della caserma Rossani. "Da anni è in attesa di riqualificazione, per anni abbiamo ascoltato promesse vuote e intanto la struttura è finita nel degrado assoluto", hanno spiegato i ragazzi del collettivo che hanno occupato la Caserma con il sostegno di un gruppo di residenti.

"Hanno ragione i ragazzi – commenta Pietro Petruzzelli, uscito dalla competizione delle primarie per correre insieme ad Antonio Decaro -. In questi anni si è perso tempo all’interno di una vertenza con la Regione che, a mio parere, andava gestita molto meglio: detto questo, ora occorre lavorare pancia a terra per trasformare la Rossani in un polo artistico culturale messo a disposizione dei tanti giovani artisti baresi, il ‘Patto per Bari' siglato tra Regione e il Comune lo prevede e credo che non si possa più perdere altro tempo".

Parole molte critiche sono state espresse dal candidato di Impegno Civile (appoggiato da Forza Italia e da altre liste civiche di centrodestra) Domenico Di Paola: "La Caserma Rossani, da monumento dell’abbandono, è il simbolo dell'ipocrisia strumentale da campagna elettorale". "La riqualificazione di uno spazio così importante deve necessariamente passare da un progetto di città", ha continuato l’ex amministratore unico di Aeroporti di Puglia sottolineando come già "cinque anni fu presentato un progetto per trasformare la Caserma in parco urbano", ma oggi "c’è anzitutto bisogno di un visione che metta al centro le esigenze di cultura, aggregazione e lavoro soprattutto dei giovani". "L'occupazione della Rossani da parte dei ragazzi  - conclude Di Paola -  testimonia questi bisogni e trovo assurdo che si debba arrivare ancora ad occupare un posto per evidenziarne l'importanza e per costringere chi decide ad una riqualificazione che la città aspetta da troppo tempo".

"Speriamo che non sia solo materia di campagna elettorale", chiarisce un residente del rione Carrassi al termine dell'incontro svolto ieri alla Rossani tra gli occupanti e alcuni rappresentanti dei partiti, tra cui il candidato alle primarie del centrosinistra, Antonio Decaro.. Una speranza condivisa, anche perché dopo dieci anni è ora che uno spazio abbandonato si trasformi in una grande opportunità di sviluppo per la città.  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caserma Rossani, Mimmo Di Paola: "Per anni simbolo dell’ipocrisia delle campagne elettorali"

BariToday è in caricamento