Domenica, 13 Giugno 2021
Comunali Bari 2014

Cornaro: “Riportare onestà e meritocrazia al centro dell’amministrazione comunale”

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di BariToday

"Poma (costato un milione di euro), fontane di Martinelli (400mila euro), filobus per collegare il centro di Bari a Ceglie e Carbonara (3,6 milioni di euro) praticamente mai visti, circolari elettriche del murattiano scomparse, progetto di videosorveglianza 'Cometa' fallimentare (buttati 250mila euro), bici blu che avrebbero dovuto sostituire le auto blu sono rimaste chissà in quale box, barriere antiliquami dimenticate dopo un'estate. E la lista sarebbe ben più lunga. Opere inutili realizzate e smantellate, opere potenzialmente utili ma incompiute o mal realizzate. Comune denominatore? Sperpero immane di denaro pubblico".

Parte dai dati oggettivi la riflessione politica di Marco Cornaro, candidato sindaco del "Polo Barese, che poi non usa mezzi termini: "La fotografia del fallimento della classe politica degli ultimi vent'anni è sotto gli occhi di tutti, macroscopica ed evidente, figlia di un modo di amministrare affaristico e privatistico, mal vezzo dei partiti tradizionali, indistintamente dal colore politico. Centrodestra, centro e centrosinistra, sono corresponsabili dell'abbruttimento della nostra città, che oggi langue nel degrado, nell'insicurezza, nell'emergenza sociale, nella crisi occupazionale, nella carenza dei servizi al cittadino, nella pochezza intellettuale e culturale. La zona industriale sta diventando un deserto. Proliferano i senza tetto, a fronte dei tanti edifici pubblici abbandonati, sia comunali che di altri enti, in progressivo decadimento, tanto che serviranno sempre più soldi per recuperarli".

"A fronte di uno scenario desolante", continua Cornaro, "oggi siamo ancora costretti a doverci ancora sorbire i teatrini della politica. Le primarie del centrosinistra, che si sono rivelate solo uno squallido scontro di potere (altro che democrazia!) o le infinite e stucchevoli schermaglie del centrodestra finalizzate esclusivamente alla spartizione delle poltrone e dei municipi".

"Bari è stanca di tutto questo", aggiunge il candidato sindaco del Polo Barese. "La gente non si fida più della promesse dei professionisti della politica, dei volponi, degli speculatori senza scrupoli. Per invertire la rotta bisogna riportare al centro dell'amministrazione la meritocrazia, questa sconosciuta! E con essa la competenza, l'onestà, il bene comune. Bisogna avere il coraggio di dire basta alla logica degli amici degli amici, alle lobby, al voto di scambio, ai centri di interesse, ai poteri forti. Il Polo Barese si fa interprete di questi principi attraverso gente comune che non ha mai ricoperto incarichi pubblici, persone nate e cresciute in questo territorio e che per esso vogliono mettersi in gioco, con entusiasmo, passione e soprattutto senza interessi personali".

"Cambiare affinché tutto rimanga com'è, di gattopardiana memoria, non serve a nulla", conclude Marco Cornaro. "Bisogna cambiare davvero, e c'è una sola via: bocciare all'unisono i responsabili della politica fallimentare degli ultimi vent'anni".

Marco Cornaro martedì 18 marzo alle ore 18.30 inaugurerà il comitato elettorale della sua lista civica, il Polo Barese, in viale della Repubblica 16/B.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cornaro: “Riportare onestà e meritocrazia al centro dell’amministrazione comunale”

BariToday è in caricamento