Comunali Bari 2014

Digeronimo, il programma in 100 pagine: "Bari deve tornare a respirare"

Il magistrato presenta la raccolta di idee e proposte sul futuro della città, dalla Fiera del Levante al sociale, passando per ambiente e trasparenza amministrativa: "Scriverò una lettera ad Emiliano. E' il momento di parlare di temi concreti"

"O Bari  torna a respirare, ad aver e ossigeno , oppure muore. Voglio che i miei figli abbiano una città, perché oggi è solo un luogo di bivacco, di rassegnazione e disperazione, senza prospettive per il futuro. Bari oggi è un dormitorio grazie a chi l'ha governata per 10 anni". Desirèe Digeronimo prosegue nella campagna elettorale verso le amministrative di maggio e lancia il programma per disegnare il futuro di Bari, presentandolo in una galleria d'arte di San Pasquale: cento pagine suddivise in 8 linee guida essenziali, dallo sviluppo economico alla trasparenza della pubblica amministrazione, dalla qualità dell'ambiente e della mobilità, fino al recupero del sociale, della cultura e dei principali asset della città, come i due lungomare e la Fiera del Levante.

In particolare, su quest'ultimo aspetto, Digeronimo immagina una visione futura "dove il commercio sia in rete, recuperando la tradizione e le eccellenze, aumentando anche, nella Fiera, gli spazi destinati alla cultura. Siamo contrari - rivela - all'idea di alberghi, ad esempio. Abbiamo un'idea di Fiera molto più creativa ed emancipata rispetto alle logiche odierne". Il magistrato lancia agli altri candidati un appello a "discutere di contenuti concreti. Raccolgo - prosegue - quello di Di Paola e gli scriverò una lettera in cui dirò di essere disponibile". Digeronimo però ha pronte carta e penna anche per il sindaco Emiliano: "Gli dirò determinate cose - annuncia-  Credo che sia un momento in cui la serenità, la chiarezza e le richieste che si possono fare ad un sindaco che sta per lasciare il mandato da parte di chi si propone alla città siano legittime. In alcuni momenti - ritiene la pm - è stato troppo presente nella campagna. Penso che questo non faccia bene ai candidati. Andrebbe costruito un dialogo tra tutti mantenendo ognuno le proprie opinioni in una competizione leale".

Digeronimo mostra un pizzico di sorpresa sul passo indietro di Pietro Petruzzelli, dopo l'intesa con Decaro: "Non capisco perché si sia ritirato. Da quello che diceva, aveva una proposta e una sua idea di politica non partitocratica. Il suo ritiro lascia stupiti, ma questo non lo leggo nell'ottica di rafforzamento della coalizione che sarebbe comunque passato per le primarie". In chiusura, nel corso delle battute finali della conferenza stampa, durante uno scambio di opinioni con alcuni giornalisti, Desirèe Digeronimo ha ulteriormente smentito i commenti, apparsi su un quotidiano, a lei erroneamente attribuiti, in merito al ritiro della candidatura di Petruzzelli dalle primarie del centro-sinistra.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Digeronimo, il programma in 100 pagine: "Bari deve tornare a respirare"

BariToday è in caricamento