Comunali Bari 2014

Digeronimo: "Firmerò la petizione contro la palazzina del genio civile marittimo. Uno scempio"

La candidata sindaco annuncia la sua adesione alla petizione lanciata dai cittadini di Bari vecchia per chiedere di blocarre la nuova costruzione sul lungomare De Tullio

"L'ampliamento della palazzina del genio civile marittimo, è uno scempio che si sta perpetuando sul lungomare di Bari. Tre piani più seminterrato per un'altezza di dodici metri che sacrificheranno ulteriormente, nel nome della cementificazione, la visuale verso il mare. Senza dimenticare il costo di questa operazione, che supera i tre milioni di euro. Va ricordato inoltre che non quell'opera gran parte del giardino sarà eliminata".

La candidata sindaco al Comune di Bari, Desirèe Digeronimo interviene sulla questione assicurando che "firmerò la petizione promossa da un comitato di quartiere, contro l'ampliamento dell'edificio che ospita la sede del Genio civile delle opere marittime. Nel piano regolatore e nel piano particolareggiato, approvato nel 2001, per quell'area si parla di un sistema di verde attrezzato intorno al castello. Un progetto che racchiude le aree verdi di piazza Massari, piazza Isabella d'Aragona e i fossati del castello, in un unico grande progetto che restituirà quest'area ai cittadini. Il recupero di porzioni di territorio da restituire ai cittadini è uno dei punti principali del nostro programma e condivido la richiesta dei cittadini di Bari Vecchia di rendere fruibile a tutti quella porzione di territorio". "E' inammissibile, - conclude - come si legge sui giornali che l'assessore all'urbanistica non ne sapeva nulla. Una amministrazione comunale attenta dovrebbe vigilare su queste situazioni e cercare di provi rimedio per tempo, evitando che simili scempi vengano perpetuati".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Digeronimo: "Firmerò la petizione contro la palazzina del genio civile marittimo. Uno scempio"

BariToday è in caricamento