Martedì, 15 Giugno 2021
Comunali Bari 2014

Emiliano al direttivo di Realtà Italia: "Restiamo uniti"

Dopo le polemiche di domenica scorsa, il sindaco incontra Olivieri e lo invita a rimanere nella coalizione: "Qualcuno di noi ha sbagliato, ma ora nessuna divisione". Decaro: "Parlare di assessorati è un insulto"

Tregua accettata. Michele Emiliano si presenta al direttivo di Realtà Italia con la spada riposta nel fodero. E così le polemiche del post-primarie finiscono per scomparire,  anche se la partita dell’intesa è tutta da costruire. Il sindaco, neo segretario regionale del Pd, ha partecipato alla riunione  convocata da Giacomo Olivieri per ribadire l’importanza dell’unità e per scacciare ogni ipotesi di fuoriuscita di Realtà Italia dalla coalizione di centrosinistra.

"Si litiga, si discute e si fa pace – ha affermato Emiliano davanti alla platea di Realtà Italia -. A votare sono andate quasi 21mila persone e certi numeri non si fanno per via traverse; se qualcuno dei miei si è comportato male, chiedo scusa ma dobbiamo restare uniti”. Ramoscello d’ulivo raccolto da Olivieri che nella sfida di domenica ha raccolto quasi 9mila preferenze (42% del totale): "L'umiltà in politica paga e Michele ce l'ha. Noi vogliamo che il candidato sindaco e soprattutto la coalizione accolga le nostre condizioni per l'alleanza, a partire dall’aiuto alle  famiglie più bisognose della città".

Nei giorni scorsi Tommy Attanasio, dirigente di Realtà Italia, ha chiarito come sia importante per il partito assumere la cabina di regia degli assessorati al Welfare e al Turismo. Antonio Decaro, vincitore della competizione, ha fatto sapere che non intende dare garanzie di poltrone a nessuno e che nei prossimi giorni continuerà la campagna elettorale cercando di coinvolgere quante più persone possibile all’interno di un progetto di profondo cambiamento: “Fare una campagna elettorale, per me, significa questo – ha affermato -. Parlare di poltrone, di assessorati, di posti al sole, non solo è un insulto per i cittadini, ma è anche una negazione del senso delle primarie”.

Ora si tratterà di sedersi attorno al tavolo e decidere come proseguire. Olivieri incalza Decaro a rinunciare ad una parte del suo potenziale stipendio da sindaco per devolverlo a famiglie bisognose. Una richiesta salutata da più parti come irricevibile. Realtà Italia non ha intenzione di cedere e, se non si troverà un accordo, non è da escludere che quel bacino di consensi possa traghettare altrove. Emiliano ha cercato subito di ricucire il rapporto tra le parti, ma la strada sembra in salita anche perché una parte di elettorato è ancora scossa da quanto accaduto durante le primarie di domenica scorsa contrassegnate dal sospetto di inquinamento.

La palla passa a Decaro. A lui il compito di comprendere se valga la pena assecondare le richieste di Realtà Italia o, piuttosto, tratteggiare una strada diversa. Le polemiche sono finite, ma nella mente degli elettori le primarie di domenica scorsa sono un ricordo difficile da cancellare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Emiliano al direttivo di Realtà Italia: "Restiamo uniti"

BariToday è in caricamento