Sabato, 31 Luglio 2021
Comunali Bari 2014 Japigia / Via Giacomo Matteotti

Via Matteotti e la fogna incompiuta, Decaro: "C’è un progetto dell’Aqp, ma andrà valutato"

In 15 anni incontri, promesse e sperimentazioni fallite. Il candidato del centrosinistra: "Spesso in politica si preferisce inaugurare una piazzetta piuttosto che mettere mani alle fogne, ma a Bari è necessario intervenire con celerità"

Se ne parla da oltre quindici anni. Idee, progetti, soluzioni fallite. E così al primo acquazzone ecco ripresentarsi il problema. Parliamo della condotta fognaria di via Matteotti, nel quartiere Madonnella. Di fronte a precipitazioni di grande portata accade che le paratie non reggono l’urto della massa d’acqua e i liquami finiscono in mare, obbligando gli operatori comunali ad imporre il divieto di balneazione nella spiaggia di “Pane e Pomodoro”.

Nel 2007 il Comune di Bari, su input del sindaco Emiliano e dell’allora assessore ai Lavori Pubblici Simonetta Lorusso,  chiese al Politecnico di trovare una soluzione tampone per la stagione estiva. L’idea fu quella di posizionare,  in prossimità dello scarico fognario, alcuni galleggianti che avevano il compito di sorreggere un velo sottomarino, zavorrato sul fondo, capace di deviare verso mare aperto il flusso dei liquami fognari. La soluzione non diede i risultati sperati, anche perché le boe gommate si trasformavano in trampolini di lancio per ragazzini, con buona pace del Comune costretto  più volte a riparare i galleggianti.

Sul caso si è espresso il candidato sindaco del centrosinistra, Antonio Decaro: "L’Acquedotto Pugliese ha approvato un progetto che, qualora diventassi sindaco, vorrei valutare attentamente sotto il profilo tecnico".  "In pratica - continua Decaro – si tratta di una pompa di sollevamento che permetterà, attraverso un canale sottomarino, di far arrivare a largo i liquami".

Il sistema fognario dei quartieri centrali della città è stato costruito nei primi anni del Novecento, quando in un’unica condotta scorrevano sia le acque meteoriche che la fogna nera. "Dovremmo costruire a monte della città un sistema di raccolta delle acque piovane di maggiore portata", continua Decaro. Che sottolinea la fatica con cui la politica decide di supportare opere di ammodernamento della rete fognaria:  "In alcuni casi si preferisce inaugurare una piazzetta piuttosto che intervenire sulle fogne, semplicemente perché una piazza aperta si vede mentre ciò che corre nel sottosuolo non fa notizia".

"La mia visione di città è molto orientata alla riqualificazione del litorale costiero e all’apertura di nuove spiagge, pertanto ho intenzione di lavorare sulla manutenzione delle fogne che sono un aspetto centrale". Oltre al tronco di via Matteotti, Decaro accenna alla situazione che si vive nei pressi della chiesa San Marcello: "E’ un’area dove va tutta ricostruita la fogna bianca – conclude -. In questo caso non possiamo differire con i tempi: occorre intervenire subito".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Via Matteotti e la fogna incompiuta, Decaro: "C’è un progetto dell’Aqp, ma andrà valutato"

BariToday è in caricamento