Mercoledì, 16 Giugno 2021
Comunali Bari 2014

Depuratori e fogne, Madetti (M5S): "Non servono soluzioni da fantascienza"

Il candidato sindaco del Movimento boccia la proposta ipotizzata da Decaro sulla condotta Matteotti: "Meglio depurare l'acqua e riutilizzarla. Negli anni nessuno ha mai voluto affrontare i problemi preferendo inaugurazioni di opere inutili"

Rete fognaria poco funzionale e obsoleta, in tilt dopo qualche pioggia, provocando forti disagi e lo sversamento dei liquami a due passi dalla spiaggia di Pane e Pomodoro. Da Barivecchia a Madonnella, fino a San Girolamo, la questione fogne è irrisolta da decenni.

Tante promesse e pochi risultati concreti. L'argomento è al centro dei programmi dei candidati, da Mimmo Di Paola ad Antonio Decaro, fino al Movimento 5 Stelle. Il fulcro del problema è rappresentato dalla questione 'Condotta Matteotti', sulla quale non è mai stato effettuato un intervento definitivo.

Ogni aspirante sindaco porta una visione differente: se per Di Paola il Tronco del Madonnella è un intervento non meno prioritario di altri, per Decaro invece si potrebbe valutare il progetto dell'Acquedotto pugliese, ovvero la costruzione di una condotta sottomarina per deviare al largo i liquami.

Il M5S è critico, sopratutto con la seconda soluzione: "Più che cercare la fantascienza - afferma Vincenzo Madetti, candidato sindaco del Movimento - la cosa migliore sarebbe depurare l'acqua: perchè non utilizzarla per poter irrigare i campi rendendola batteriologicamente pura, senza sprecare una risorsa così importante? In ogni caso i fanghi restano. La costruzione di una condotta costerebbe troppo".

Per Madetti, in ogni caso, bisogna intervenire per ripensare l'intero sistema: "La rete risale al periodo fascista, è vecchia e sottodimensionata. Ci sono quartieri dove vi sono delle grandi mancanze come Fesca, San Girolamo, Ceglie. Abbiamo inoltre il problema dei due depuratori. Quello sequestrato a Nord di Bari che raccoglie San Paolo e Santo Spirito è un di concezione vecchia, e lì sono necessari interventi consistenti e nuovi. Quello nelle vicinanze di Pane e Pomodoro credo abbia un difetto strutturale. Lì confluiscono anche acque metoriche e tutto tracima".

Secondo il candidato dei 5 Stelle, si tratta di " problemi seri che nessuno ha mai affrontato. E' una ristrutturazione di notevoli dimensioni. Per farla m anca sempre la volontà politica. Le amministrazioni preferiscono non affrontare questioni strutturali, ma preferiscono finte inaugurazioni di opere inutili".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Depuratori e fogne, Madetti (M5S): "Non servono soluzioni da fantascienza"

BariToday è in caricamento