Depuratori e fogne, Madetti (M5S): "Non servono soluzioni da fantascienza"

Il candidato sindaco del Movimento boccia la proposta ipotizzata da Decaro sulla condotta Matteotti: "Meglio depurare l'acqua e riutilizzarla. Negli anni nessuno ha mai voluto affrontare i problemi preferendo inaugurazioni di opere inutili"

Rete fognaria poco funzionale e obsoleta, in tilt dopo qualche pioggia, provocando forti disagi e lo sversamento dei liquami a due passi dalla spiaggia di Pane e Pomodoro. Da Barivecchia a Madonnella, fino a San Girolamo, la questione fogne è irrisolta da decenni.

Tante promesse e pochi risultati concreti. L'argomento è al centro dei programmi dei candidati, da Mimmo Di Paola ad Antonio Decaro, fino al Movimento 5 Stelle. Il fulcro del problema è rappresentato dalla questione 'Condotta Matteotti', sulla quale non è mai stato effettuato un intervento definitivo.

Ogni aspirante sindaco porta una visione differente: se per Di Paola il Tronco del Madonnella è un intervento non meno prioritario di altri, per Decaro invece si potrebbe valutare il progetto dell'Acquedotto pugliese, ovvero la costruzione di una condotta sottomarina per deviare al largo i liquami.

Il M5S è critico, sopratutto con la seconda soluzione: "Più che cercare la fantascienza - afferma Vincenzo Madetti, candidato sindaco del Movimento - la cosa migliore sarebbe depurare l'acqua: perchè non utilizzarla per poter irrigare i campi rendendola batteriologicamente pura, senza sprecare una risorsa così importante? In ogni caso i fanghi restano. La costruzione di una condotta costerebbe troppo".

Per Madetti, in ogni caso, bisogna intervenire per ripensare l'intero sistema: "La rete risale al periodo fascista, è vecchia e sottodimensionata. Ci sono quartieri dove vi sono delle grandi mancanze come Fesca, San Girolamo, Ceglie. Abbiamo inoltre il problema dei due depuratori. Quello sequestrato a Nord di Bari che raccoglie San Paolo e Santo Spirito è un di concezione vecchia, e lì sono necessari interventi consistenti e nuovi. Quello nelle vicinanze di Pane e Pomodoro credo abbia un difetto strutturale. Lì confluiscono anche acque metoriche e tutto tracima".

Secondo il candidato dei 5 Stelle, si tratta di "problemi seri che nessuno ha mai affrontato. E' una ristrutturazione di notevoli dimensioni. Per farla manca sempre la volontà politica. Le amministrazioni preferiscono non affrontare questioni strutturali, ma preferiscono finte inaugurazioni di opere inutili".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento