M5S, Madetti candidato sindaco: "Pronti a prenderci il Comune, per i cittadini è l'ultima possibilità"

Oggi la presentazione delle liste e del programma, Vincenzo Madetti "portavoce sindaco": "I baresi hanno visto i danni dell'amministrazione Emiliano, questa è l'ultima occasione per cambiare"

Vincenzo Madetti, candidato sindaco del Movimento 5 Stelle

"Noi andiamo a prenderci il Comune. Non è una previsione, è una certezza. Bari negli ultimi anni è stata gestita in maniera disastrosa, e questa per i cittadini è l'ultima possibilità di cambiare". Non usa mezzi termini Vincenzo Madetti. 53 anni, consulente aziendale, da questa mattina è ufficialmente il candidato sindaco ("portavoce sindaco", preferiscono chiamarlo i pentastellati) del Movimento 5 Stelle. L'annuncio è arrivato insieme alla presentazione del programma e della squadra degli aspiranti consiglieri (29 in tutto, tra cui 10 donne): studenti, casalinghe, impiegati, commercianti, scelti tra gli attivisti del movimento sul territorio. Come lo stesso Madetti, da lungo tempo attivista del M5S barese. "Ho fatto la campagna elettorale con il M5S già nel 2009 a Bari. I cittadini hanno scelto Emiliano? Credo che in questi anni si siano resi conto del danno che hanno fatto a loro stessi e alla città. Ora hanno l'occasione per cambiare", dice Madetti.

Cinque le aree principali del programma: ambiente, amministrazione, sociale, attività produttive e città. Priorità? "Tutti i punti del nostro programma sono importanti - dice Madetti - Non si può parlare, ad esempio, di cose che faremo nei primi giorni giorni. Chi ne parla mente sapendo di mentire. In cento giorni non si può fare assolutamente nulla, in una città cattivisti-2he ha così tanti problemi". "Tuttavia ci sono delle cose che si potrebbero fare subito, e che in breve tempo potrebbero dare risultati - continua Madetti - come ad esempio la raccolta differenziata, al momento gestita dall'amministrazione in maniera assolutamente incompetente" "In un anno - continua Madetti - si possono ottenere buoni risultati, con la conseguente possibilità di ridurre la Tares fino al 30%". O come la riqualificazione del nodo ferroviario nord (per la quale il M5S ha anche avviato da qualche settimana una petizione). "Tutti parlano dei progetti per il nodo sud - ricorda Madetti - la nostra priorità invece è il nodo ferroviario nord, a Palese-Santo Spirito, dove si verificano incidenti anche mortali ai passaggi a livello".

Sul versante delle attività economiche, invece, l'attenzione del M5S si concentra sul piccolo commercio: "La nostra idea - spiega il portavoce sindaco - è quella di favorire i piccoli negozi, i negozi di quartiere. Regolamentando ad esempio le chiusure degli ipermercati, abbassando quelle tasse che gravano sui commercianti, come quelle sull'occupazione di suolo o sulle insegne. Purtroppo la crisi c'è, ma bisogna anche permettere ai commercianti di operare sul territorio, incentivarli". Mentre del capitolo "amministrazione" Madetti tiene a sottolineare soprattutto un punto: "Se andremo al governo della città - dice - la gestione delle partecipate sarà affidata ad un'unica holding, un'unica spa che raggrupperà le quattro esistenti, e sarà quindi più economica e funzionale".

"Il sindaco del M5S - spiega ancora Madetti - prenderà uno stipendio di 2.500 euro al mese, per uno, al massimo due mandati. Poi via, tornerà a fare ciò che ha sempre fatto. Per noi non esistono politici di professione, siamo cittadini che prestano un servizio alla collettività". "Il nostro punto di forza è la democrazia partecipata - tiene a sottolineare Madetti - Le delibere del consiglio comunale saranno votate direttamente dai cittadini, come già accade a livello nazionale. Ci sarà una piattaforma on line, su cui i consiglieri del M5S pubblicheranno le delibere, spiegheranno di cosa di cosa si tratta, dopo di che i cittadini voteranno e noi voteremo in base a quello che loro decideranno. La città non è di 36 consiglieri, ma di 320 mila abitanti, ed è giusto che siano i baresi a decidere per il futuro della loro città". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni regionali Puglia 2020: i risultati delle liste, preferenze e consiglieri eletti

  • Elezioni Regionali Puglia 2020: i risultati in diretta

  • Regionali Puglia 2020, chiusi i seggi nella prima giornata di voto: corsa a otto per la presidenza

  • Regionali Puglia 2020, i risultati: preferenze consiglieri Partito Democratico

  • Verso il nuovo Consiglio regionale, i nomi: Lopalco superstar, boom Paolicelli e Maurodinoia. A destra c'è Zullo, M5S con Laricchia

  • Regionali Puglia 2020: i risultati | Percentuali e voti dei candidati presidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
BariToday è in caricamento