Comunali Bari 2014

Municipio del Mare, a sinistra spunta un nome alternativo alla Melini

SeL potrebbe chiedere di puntare su Francesco Muciaccia e compattare la coalizione di centrosinistra. Nelle prossime ore incontro chiarificatore con Decaro sulla questione presidenze

Non c’è alcuna ufficialità, ma il malumore serpeggiante nelle fila del centrosinistra per la possibile candidatura a presidente di Irma Melini (tesserata Forza Italia, capogruppo del PdL nella VII circoscrizione) potrebbe trovare uno sbocco nella presentazione di un’alternativa. Il nome circolante è quello di Francesco Muciaccia, figlio del compianto Nichi e, in passato, già consigliere circoscrizionale. A proporlo potrebbe essere Sinistra, ecologia e Libertà (SeL) che presto dovrà incontrare Antonio Decaro per fare il punto in merito alle partite municipali. Il circolo Pd di via Zara appare scosso dalla vicenda, ma prima della riunione di lunedì prossimo è difficile che possa uscire con una presa di posizione ufficiale sulla questione Melini.

Il partito di Vendola sembra non abbia voglia di avallare la decisione di Decaro di convergere sull’ex pidiellina, specie in una realtà dove a governare è stato uno dei migliori rappresentanti locali di SeL, quale appunto Nichi Muciaccia. E così, nonostante non ci sia alcuna conferma dai diretti interessati, sembra che possa essere proprio Francesco Muciaccia il nome da rilanciare sul Municipio del Mare, che comprende oltre Madonnella anche i quartieri Libertà, Murat, San Nicola, Japigia e Torre a Mare. A meno di altre contropartite, è probabile che SeL richieda la presidenza costruendo una campagna elettorale in grado di unire il centrosinistra e sparigliare i sondaggi che, al momento, vedono sconfitta la coalizione dei democratici. Numeri che avrebbero spinto Decaro a puntare sulla Melini, contando così sulle fratture  interne alla coalizione di centrodestra.

Nelle prossime ore il quadro si delineerà, ma i malumori intorno alla candidatura della Melini non riguardano solo Madonnella, ma anche Japigia. Ieri il consigliere uscente del Pd, Maurizio Brunialti, ha dichiarato di essere pronto ad informare i vertici nazionali del partito. Il malessere è generato dal dover serrare le fila intorno alla ex consigliera che, oltre ad avere un curriculum politico tutto conservatore (da An al PdL per poi passare a Forza Italia), fino a pochi mesi fa si dichiarava una lealista al fianco di Raffaele Fitto. La sua proficua e battagliera attività di consigliera circoscrizionale nel PdL a Madonnella l’ha posta contro Emiliano e Decaro più di una volta nel corso di questi anni. Pochi mesi fa per la questione del cavalcavia di viale Imperatore Traiano chiuso per crolli di calcinacci, prima ancora sulla gestione della Zsr e sulla sovrapposizione delle cariche di Decaro, con tanto di batti e ribatti polemico registrato anche da BariToday. Ora è arrivato il momento delle scelte, se non arriveranno altre candidature si passerà alla formalizzazione. Ma, giura qualcuno, è tempo di aspettare.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Municipio del Mare, a sinistra spunta un nome alternativo alla Melini

BariToday è in caricamento