Sabato, 31 Luglio 2021
Comunali Bari 2014

Primarie, giallo sui voti in vendita. Olivieri: "Non c’è alcun rischio d’inquinamento"

Il leader di Realtà Italia: "Nessuno dei candidati sta cedendo a quanti si avvicinano per vendere proprio voto. Tutto si svolgerà nella massima trasparenza". "Se vinco le primarie sarà il fallimento definitivo dei partiti"

"Vigileremo affinché le primarie si svolgano nella massima trasparenza". Giacomo Oliveri accoglie così il grido di allarme lanciato da vari esponenti del Partito Democratico regionale, ed in primis dal candidato Antonio Decaro, sul rischio che le  primarie del prossimo 23 febbraio possano essere influenzate dalla compravendita di voti.

Il leader di Realtà Italia afferma che il candidato sindaco del Pd è stato frainteso da alcuni organi di stampa. "Qualcuno ha malignamente pensato che ci fossero allusioni agli altri candidati, ma in realtà il suo discorso era rivolto alla disponibilità di qualche balordo a vendere il proprio voto", ha proseguito l’attuale presidente della Multiservizi.

Nei giorni scorsi alcuni partiti ed un organo di stampa locale hanno raccolto decine di segnalazioni circa l’organizzazione di cene elettoralistiche offerte in diversi quartieri della città con lo scopo di serrare le fila e di incentivare la partecipazione alle primarie. Ma su questo punto Olivieri sembra sdrammatizzare: "Non c’è alcun pericolo inquinamento, credo che tutto procederà per il meglio se saremo bravi a non cedere a quelli che, soprattutto per disperazione economica, stanno avvicinando i candidati offrendo il loro voto. Nessuno di noi lo sta facendo e pertanto dobbiamo stare tranquilli ed affrontare le prossime primarie".

Secondo l’esponente di Realtà Italia (in passato anche nelle fila di Forza Italia e Italia dei Valori) ciò che si potrebbe verificare domenica prossima è una bassa partecipazione. "Un buon risultato sarebbe quello di portare ai seggi almeno 5000 persone, ma andando per strada riscontro un discredito enorme nei confronti di tutto ciò che ruota attorno alla politica ed è davvero difficile anche solo proporre le primarie”".
 
"Se dovessi vincere le prossime primarie sarebbe la rappresentazione del fallimento dei partiti territoriali e della loro bassa credibilità", conclude l’esponente di Realtà Italia.

Intanto il tavolo che si sta occupando dello svolgimento delle primarie ha promesso massima attenzione affinché i candidati rispettino le regole di avvicinamento alla competizione di domenica prossima. L’impressione è che in queste ultime ore qualcosa possa sfuggire dal controllo, ma importante sarà non trasformare “una festa democratica” in un ennesimo terreno di contesa.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Primarie, giallo sui voti in vendita. Olivieri: "Non c’è alcun rischio d’inquinamento"

BariToday è in caricamento