Comunali Bari 2014

“La città non è a misura di bambino, necessario cambiare sguardo”

Petruzzelli a confronto con cittadini e operatori del settore: "I bimbi vanno rispettati e Bari deve cambiare il modo con cui elabora le proprie scelte governative"

Costruire una città a misura di bambino. Da quando ha presentato la sua candidatura, Pietro Petruzzelli non ha mai mancato di indicare quale fosse il suo principale punto programmatico: trasformare Bari in luogo accessibile ai bambini e alle loro famiglie.

E per iniziare una discussione ha deciso di organizzare un incontro presso l’Artes Cafè di Bari a cui hanno preso parte giornalisti, blogger e quanti nel corso di questi anni hanno sperimentato esperienze innovative di informazione e comunicazione sul mondo dell’infanzia e della genitorialità in generale. Intorno al candidato sindaco si sono così ritrovati, tra gli altri, Elisa Forte, curatrice del portale cittàdeibimbi.it, Alessia De Pascale, curatrice blog Pesi Piùma su Repubblica-Bari, Serena Fortunato, ideatrice del sito comenasceunamamma.it, la giornalista Felicita Scardaccione e Andrea Mori, fondatore della Cooperativa Progetto Città di cui è anche animatore ludico-creativo.

Diverse le criticità segnalate: dalla chiusura della biblioteca comunale dei ragazzi al poco spazio verde presente in città fino all’assenza di una cultura dei trasporti a misura di genitore che possa includere, come accade in altre città europee, sistemi di facilitazione per l’ingresso dei passeggini sugli autobus. A ciò si aggiunge il tema del raccordo tra le varie realtà che oggi operano nel settore dell’infanzia e non solo. “Credo sia venuta fuori l’esigenza di come la città debba essere ripensata partendo dallo sguardo di un bambino che non va considerato come un soggetto da amare, ma da anzitutto da rispettare in tutti i suoi diritti fondamentali”, afferma Petruzzelli. “L’esigenza primaria è quella di affrontare l’argomento con un approccio multilivello che non separi singoli tematiche ma inquadri l’attenzione verso il mondo dell’infanzia in un’ottica il più possibile integrata”.

Il giudizio del pubblico sull’operato dell’amministrazione Emiliano non è stato lusinghiero anche se Petruzzelli invita a considerare anche lo sforzo dell’assessore alle politiche educative Fabio Losito: “E’ riuscito ad aumentare il numero di posti negli asili pubblici, sappiamo che occorre migliorare ma passi in avanti sono stati fatti”.

“Con questi incontri  - prosegue Petruzzelli  - voglio raccogliere indicazioni, suggerimenti e idee per migliorare la nostra città”. “E’ un servizio che metto nelle mani di tutto il centrosinistra in un momento di sostanziale immobilismo - conclude -. Le amministrative vanno vinte insieme e su questi argomenti il centrosinistra locale avrebbe dovuto iniziare da parecchio un serio confronto”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“La città non è a misura di bambino, necessario cambiare sguardo”

BariToday è in caricamento