Comunali Bari 2014

Il centrosinistra sceglie il candidato sindaco: grande affluenza per le primarie

Urne aperte dalle 8 alle 21. Possono votare i cittadini residenti a Bari che abbiano compiuto il 16° anno di età. Tre gli sfidanti: Antonio Decaro, Elio Sannicandro, Giacomo Olivieri. Nove i seggi, uno per ciascuna Circoscrizione

Il seggio della Circoscrizione Libertà-San Girolamo, all'Hotel 7 Mari

Il centrosinistra sceglie il proprio candidato sindaco. Per tutta la giornata, dalle otto alle 21, i nove seggi allestiti nelle diversi Circoscrizioni cittadine resteranno aperti per permettere agli elettori di partecipare alle primarie e scegliere chi sarà il candidato della coalizione alle amministrative del prossimo 25 maggio.

20.31: A pochi minuti dalla chiusura dei seggi interviene con una nota Antonio Decaro: "C'è chi vuole inquinare il risultato delle primarie. Ho visto tante persone perbene, ma accanto aquesta Bari che vuole partecipare vi sono interessi opachi. Tesro comunque fiducioso. Da domani riflessione su questa giornata.

Potrebbe interessarti:https://www.baritoday.it/politica/elezioni/comunali-bari-2014/primarie-centrosinistra-decaro-interessi-opachi.html
Seguici su Facebook:https://www.facebook.com/pages/BariToday/211622545530190

20.08: Aggiornamenti dell'affluenza da tre seggi: rispettivamente tra i più e meno frequentati delle Primarie: a Carrassi-San Pasquale, verso le 19, avevano votato 3240 persone. Grande affluenza anche nel Libertà, con circa 3000 partecipanti, mentre a Madonnella, alle 20 erano in 1000 circa ad aver espresso al loro preferenza

19.06: La questione 'no ricevute' sta creando non pochi malumori ai votanti: nel seggio di Carbonara è dovuta intervenire la Guardia di Finanza, chiamata da alcuni elettori che non accettavano di versare l'euro senza ottenere la relativa 'certificazione'. I militari non hanno però ravvisato irregolarità, poiché lo staff del seggio ha provveduto a emettere le ricevute sino allo stop comunicato  nella tarda mattinata dal Comitato organizzatore.

18.20: Nel seggio di Carbonara alle ore 18 superati i 2000 votanti.

18.03: Sullo stop alle ricevute interviene con una nota il candidato Elio Sannicandro: "Soddisfatti per la decisione, giunta dopo una nostra richiesta. E' inaccettabile il tentativo di trasformare le primarie in un mercimonio".

17.30 Dati ufficiosi sull'affluenza al seggio di Madonnella: alle 17 superati i 700 votanti.

17.26: Non sono ancora disponibili i dati dell'affluenza in tutti i seggi alle ore 15: mancano infatti quelli relativi ai quartieri Murat, Picone e Palese. Lo slittamento è dovuto principalmente a una maggiore attenzione, da parte dello staff organizzatore, della regolarità nelle operazioni di voto.

16.50: L'affluenza alle urne si mantiene alta: i dati ufficiali aggiornati alle ore 15 (dati parziali)

14.00: Allarme per la compravendita di voti: il Comitato organizzativo ha deciso lo stop al rilascio della ricevuta di voto dopo alcuni episodi sospetti.

13.30: arrivano i primi dati ufficiali sull'affluenza. Alle ore 12 hanno votato quasi 6000 baresi. In testa il seggio di Japigia con 840 votanti.

13.05: Code anche di 15 minuti nel seggio di via Clinia, al quartiere Japigia, dove, verso mezzogiorno, ha votato uno dei candidati, Antonio Decaro: "E' una giornata di festa" ha dichiarato, prima di essere salutato dal vicesindaco Alfonso Pisicchio, prima di dirigersi insieme verso il seggio di quest'ultimo, all'Hotel Rondò, nelle vicinanze di Corso Alcide De Gasperi.

12.28: In attesa dei dati ufficiali sull'affluenza, va rilevata la massiccia partecipazione registrata in mattinata. Una partecipazione inattesa e per certi versi "anomala" rispetto alle primarie celebrate in precedenza, che sta vedendo ai seggi anche un numero consistente di non tesserati Pd.

11.09: Grande affluenza sin dalle prime ore della mattinata in molti dei seggi allestiti nei quartieri. All'Hotel 7 Mari, nelle vicinanze della Fiera, code anche di 20 minuti per votare, per una partecipazione al di fuori di ogni previsione. Anche al Libertà si devono aspettare decine di minuti prima di esprimere la propria preferenza. File anche nel seggio di Carbonara. Più tranquilla, invece, la situazione a Poggiofranco. Il sindaco Emiliano ha già votato verso le 10 nel seggio dell'Hotel Palace, in centro.

I CANDIDATI - Tre gli sfidanti in corsa: Antonio Decaro, parlamentare Pd e attuale consigliere delegato alla Mobilità del Comune di Bari, Elio Sannicandro, attuale assessore allo Sport e all'Urbanistica e Giacomo Olivieri, leader di Realtà Italia.

PROGRAMMI E PRIORITA': DECARO - OLIVIERI - SANNICANDRO 

COME E DOVE SI VOTA - Alle primarie potranno partecipare le cittadine ed i cittadini residenti a Bari che abbiano compiuto il 16° anno di età. I minori di 18 anni ed i cittadini di altri Paesi in possesso di regolare permesso di soggiorno, potranno votare esclusivamente esibendo la Carta di identità rilasciata dagli uffici anagrafici del Comune di Bari. I cittadini italiani maggiorenni potranno votare esibendo il documento di identità e la tessera elettorale. Il contributo per tutti gli elettori è di 1 euro. Al momento del voto verrà rilasciata una ricevuta che attesterà sia il pagamento del contributo che il voto stesso. È possibile votare solo presso il seggio allestito nella circoscrizione di residenza. (DOVE SI VOTA: LA LISTA DEI SEGGI)

INCOGNITA AFFLUENZA - "Le primarie dovranno essere innanzitutto una festa della democrazia", hanno ripetuto in questi giorni i candidati. Ma l'incognita maggiore resta, senza dubbio, proprio quella della partecipazione. "Se oltre 10mila persone si recheranno ai seggi allora potremmo dirci davvero soddisfatti del risultato raccolto, diversamente non sarebbe di certo un dato entusiasmante", ha dichiarato ieri a Baritoday il candidato Elio Sannicandro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il centrosinistra sceglie il candidato sindaco: grande affluenza per le primarie

BariToday è in caricamento